Giovedì 28 maggio, 149° giorno
dell’anno, 22^ settimana. Alla fine del 2020 mancano 217 giorni (bisestile)

0
901
Tutti gli attori che hanno interpretato i film di James Bond, lo 007 inventato da Ian Fleming

FRASE DEL GIORNO – La salute si basa sulla felicità: dall’abbracciarsi e fare il pagliaccio al trovare la gioia in famiglia e negli amici, dalla soddisfazione nel lavoro all’estasi nella natura delle arti. (Patch Adams)

SANTI DEL GIORNO – Sant’Emilio (Martire), San Germano di Parigi (Vescovo, protettore dei prigionieri), San Carauno (Martire), San Feliciano (Martire), San Giusto di Urgel (Vescovo), Sant’Eliconide di Tessalonica (Vergine e Martire), Santa Ubaldesca Taccini (Vergine dell’Ordine di Malta).

EVENTI DEL GIORNO – Nel 1961 nacque Amnesty International. “Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti” recita il 1° articolo della ‘Dichiarazione universale dei diritti umani’. Un assunto che da mezzo secolo anima le battaglie di Amnesty International, una luce perennemente accesa in difesa della vita, della libertà e della dignità di ogni individuo. L’iniziativa fu dell’avvocato inglese Peter Benenson, che già operava  offrendo assistenza legale a persone i cui diritti non erano garantiti. Scrivendo sul quotidiano “The Observer” chiamò la gente all’impegno civile e il crescente consenso lo spinse a convocare in Lussemburgo la 1^ conferenza degli attivisti di Amnesty.
Partito come ‘appello per l’amnistia’, si trasformò in una ONG (organizzazione non governativa) dotata di una sua struttura e con volontari in tutti i paesi. Come logo ufficiale venne scelta una candela avvolta dal filo spinato, ispirandosi all’antico proverbio cinese “Meglio accendere una candela che maledire l’oscurità”.
Nel ’77 Amnesty fu premiata con il Nobel per la Pace.
Nel 1974 la Strage di piazza della Loggia. Alle 10 del mattino, a Brescia, un comizio antifascista venne scosso da un sordo boato che, in un attimo, si portò via le vite di 5 giovani insegnanti (3 donne), 2 operai e 1 pensionato, ferendone 102. È il tragico bilancio della strage di piazza della Loggia, ennesimo atto di una famigerata ‘strategia della tensione’ che, tra gli anni ’70 e ’80, tentò di minare le fondamenta delle istituzioni democratiche italiane. Le indagini sull’attentato, causato da 1 kg tritolo nascosto in un cestino, fecero emergere il coinvolgimento di militanti del movimento politico Ordine Nuovo e di elementi deviati dell’esercito e dei servizi segreti. La sentenza della Cassazione, definitiva nel febbraio 2014, confermò la colpevolezza di parte degli imputati.
Nel 2003 finale tutta italiana in Champions League. Vinse il Milan, 3-2 ai rigori, contro la Juventus. All’Old Trafford di Manchester i bianconeri di Lippi e i rossoneri di Ancelotti non si fecero male per 120′ (0-0). Dal dischetto segnarono i milanisti Serginho, Nesta e Shevchenko, mentre sbagliarono Seedorf e Kaladze; fra gli juventini fecero gol Birindelli e Del Piero, ma fallirono Trezeguet, Zalayeta e Montero. Fu la 6^ Champions rossonera.

NATI FAMOSI – Ian Fleming (1908-1964), Inghilterra, scrittore. Autore cardine del genere ‘spy story’, è il papà di James Bond, il più celebre agente segreto della storia.
Nato a Londra e scomparso a Canterbury, durante la Seconda guerra mondiale Ian Lancaster Fleming militò, come ufficiale, nella Marina britannica e qui trasse ispirazione per il ciclo letterario incentrato sulla figura della spia “al servizio di Sua Maestà”, identificata con il codice 007. In tutto 14 romanzi e 2 raccolte di racconti brevi, pubblicati tra il ’53 e il ’66, consacrarono il personaggio che è tra i più affascinanti della letteratura, ispirando ben 25 trasposizioni cinematografiche, con 6 diversi attori protagonisti nei panni dell’agente segreto 007: Sean Connery (6), George Lazenby (1), Roger Moore (7), Timothy Dalton (2), Pierce Brosnan (4), Daniel Craig (5).
Patch Adams (1945), Usa, medico. E’ il camice bianco più amato dai bambini, ideatore di una speciale medicina che affianca quella tradizionale: la terapia del sorriso, meglio nota come “Clownterapia”. Nato a Washington, ebbe un’adolescenza infelice, in cui tentò più volte il suicidio. Guarito grazie all’affetto dei propri cari, maturò la convinzione che con il gioco e il sorriso si potesse contribuire a superare la complessità della vita. Laureatosi in medicina, trasformò la sua casa in una clinica e in 10 anni curò più di 15.000 malati senza chiedere compensi. Nel ’71 fondò il “Gesundheit! Institute” (“istituto della salute”), struttura sanitaria alternativa per la libera assistenza sanitaria, casa aperta a tutti con l’obiettivo di integrare la medicina alternativa a quella tradizionale.
Erika Lechner (1947), Italia, slittinista. Nata a Maranza di Rio di Pusteria (BZ), fu la prima donna italiana a conquistare una medaglia d’oro alle Olimpiadi Invernali, a Grenoble ’68. Poi nel ’71 vinse l’oro agli Europei e l’argento ai Mondiali.

 

Print Friendly, PDF & Email