Mercoledì 12 febbraio, 43° giorno dell’anno, 7^ settimana. Alla fine del 2020 mancano 323 giorni (bisestile)

0
882
Il grande regista italiano Franco Zeffirelli, nome d'arte di Gian Franco Corsi, nacque 97 anni fa

FRASE DEL GIORNO – L’omosessuale non è uno che sculetta e si trucca. È la Grecia, è Roma. È una virilità creativa. (Franco Zeffirelli)

SANTI DEL GIORNO – Sant’Eulalia (Vergine e Martire in Spagna), San Goslino (Gozzelino, Abate di San Solutore), San Melezio di Antiochia (Vescovo).

EVENTO DEL GIORNO – Nel 1941 primo test della penicillina su un uomo. A 13 anni dalla scoperta di Alexander Fleming, col conflitto mondiale in corso che imponeva urgenza di farmaci per fermare le infezioni, il patologo australiano Howard Walter Florey e il collega tedesco Ernst Boris Chain, studiosi di Oxford, scelsero il poliziotto londinese Albert Alexander, paziente terminale affetto da setticemia, per somministrare in via endovenosa una quantità di antibiotico pari a 160 mg. La sua temperatura, 24 ore dopo, iniziò a scendere di pari passo con il ridursi dell’infezione. I risultati furono innegabili: la sostanza ebbe un effetto curativo efficace e non fu tossica per l’uomo. Ai tre scienziati, Fleming, Florey e Chain, fu assegnato il Nobel per la Medicina 1945. Questa è la storia ufficiale, ma i 3 Nobel non furono i primi nel campo: nel ’47, infatti, si scoprì che ben 35 anni prima di Fleming, cioè nel 1893, il ricercatore molisano Vincenzo Tiberio, ufficiale medico della Marina, giunse ad analoghe conclusioni, scoprendo il potere chemiotattico e battericida di alcuni estratti di muffe. Tutto riportato negli ‘Annali di Igiene sperimentale’ del 1895.

NATI DEL GIORNO – Abraham Lincoln (1809-1865), Usa, politico. Nato a Hodgenville (Kentucky), avvocato, si distinse per le capacità oratorie. Eletto al Congresso nel 1846, si batté contro lo sfruttamento degli schiavi neri, consentito dalla Costituzione del 1787.  Primo presidente USA repubblicano, dopo la sua elezione alla Casa Bianca nel 1860 sette Stati del Sud iniziarono la ‘secessione’, formando gli Stati Confederati d’America. Di fronte allo scoppio della guerra, Lincoln compì la sua missione emanando il ‘Proclama di Emancipazione’ e facendo approvare il ‘XIII emendamento’ alla Costituzione, che di fatto abolì la schiavitù. Rieletto alla Casa Bianca, la sua opera di ricostruzione del Paese s’interruppe bruscamente il 15 aprile 1865, quando John Wilkes Booth, fanatico sudista, lo colpì a morte al Ford’s Theatre di Washington. Considerato un padre della patria, col famoso ‘discorso di Gettysburg’ gettò le basi dei valori della futura nazione americana e il suo volto fu scolpito nelle rocce granitiche del Monte Rushmore.
Charles Darwin (1809-1882), Inghilterra, scienziato. Nato a Shrewsbury, seguì le orme di padre e nonno e studiò medicina. Abbandonati gli studi, fu indirizzato dalla famiglia alla carriera ecclesiastica a Cambridge, dove grazie alle lezioni di William Whewell (primo ad aver coniato il termine “scienziato”) si appassionò alla storia naturale. Seguendo l’amore per le scienze naturali, si imbarcò sul brigantino “Beagle” e per 5 anni esplorò le coste sudamericane. Raccolse moltissimo materiale su cui formulò la “teoria evoluzionista”, esposta nel celebre trattato “L’origine delle specie” (1859). La tesi gli procurò l’avversione della Chiesa Anglicana, che solo nel 2008 si scusò, riconoscendo che Darwin contribuì a migliorare il rapporto tra uomo e natura. Facendo luce sull’origine dell’uomo con la ‘teoria evoluzionista’, diede un nuovo corso alla scienza e ai suoi rapporti con la religione.
Ferruccio Valcareggi (1919-2005), Italia, calciatore e allenatore. Nato a Trieste e morto a Firenze, giocò mezzala dal ’37 al ’54 con Fiorentina, Milan, Bologna, Vicenza, Lucchese, Brescia e Piombino (417-60) e allenò Piombino, Prato, Atalanta, Fiorentina, Verona e Roma (588 panchine), vincendo 1 serie C col Prato. Guidò la Nazionale italiana (’66-’74, 58 panchine) con cui fu Campione d’Europa ’68 e Vice Campione del Mondo ’70.
Franco Zeffirelli (1923-2019) Italia, regista e sceneggiatore. Fiorentino doc, nato Gian Franco Corsi, dopo il diploma all’Accademia di Belle Arti ebbe il primo contatto con il set da attore, accanto ad Anna Magnani ne “L’onorevole Angelina” (’47). La collaborazione con Luchino Visconti (al quale fu legato anche sentimentalmente) fece sbocciare il suo talento, portandolo a dirigere il primo film “Camping” (’57). Dopo grandi regìe teatrali, che propose per tutta la vita nei più grandi teatri del mondo, la gloria cinematografica arrivò con “La bisbetica domata” (’67), poi col filone shakespeariano di “Romeo e Giulietta” (’68, vinse 2 Oscar per ‘fotografia’ e ‘costumi’), “Otello” (’86) e “Amleto” (’90). Tra i film più apprezzati, per le accurate ricostruzioni e per il grande impatto emotivo, figurano “Fratello sole, Sorella luna” (’71), sulla vita di San Francesco, “Gesù di Nazareth” (’76) e “La traviata” (’83). Nominato nel ’04 Cavaliere Commendatore dell’Ordine dell’Impero Britannico da Elisabetta II, fu senatore di Forza Italia dal ’94 al ’01. Uomo di grande personalità, cattolico, tifoso della Fiorentina, Zeffirelli fu fieramente omosessuale, fieramente anti-comunista, fieramente anti-juventino.

Print Friendly, PDF & Email