Lunedì 7 ottobre, 280° giorno
dell’anno, 41^ settimana. Alla fine
del 2019 mancano 85 giorni

0
658
Un tipico esempio di 'décollage' di Domenico 'Mimmo' Rotella, artista pop italiano

FRASE DEL GIORNO – Se sentite una donna dir male dell’amore e un letterato della fama, state pur certi che la donna sta invecchiando e il talento del letterato è in declino. (Denis Diderot)

SANTI DEL GIORNO – Beata Vergine Maria del Rosario, Santi Sergio e Bacco (Martiri in Siria), San Geroldo di Colonia (Pellegrino), Sant’Adalgiso di Novara (Vescovo), Santa Giustina di Padova (Martire).

EVENTI DEL GIORNO – Nel 1952 brevettato il codice a barre. Furono due ingegneri americani, Norman Joseph Woodland e Bernard Silver, a brevettare il codice a barre, l’insieme di simboli grafici che codifica una serie di informazioni leggibili solo da specifici lettori laser. L’idea maturò quando i due erano ancora studenti all’Università di Drexel, dopo aver sentito il titolare di un’impresa alimentare sul bisogno di velocizzare le operazioni di cassa. Fu un pacchetto di chewingum il primo prodotto venduto con il codice a barre.
Quel prodotto è oggi conservato al Museo Nazionale di Storia Americana di Washington.
Nel 1985 fu dirottata l’Achille Lauro. Una tranquilla crociera nel Mediterraneo venne  drammaticamente interrotta dal blitz di 4 terroristiIl commando, imbarcatosi a Genova con passaporti falsi, irruppe alle 13 nella sala pranzo, sparò in aria e ferì nella confusione un marinaio. Al momento del dirottamento a bordo della nave c’erano 320 membri dell’equipaggio e 107 passeggeri, visto che altri 670 erano sbarcati al Cairo. I 4 erano  membri del ‘Fronte per la liberazione della Palestina’ e chiedevano la liberazione di 50 palestinesi detenuti in Israele. Il Governo italiano aprì le trattative, ma il commando individuò un passeggero ebreo con passaporto americano, il disabile Leon Klinghoffer, e lo assassinò gettandone il cadavere in mare. La situazione sembrò sbloccarsi con l’intervento delle autorità palestinesi, che promisero un salvacondotto, e l’Italia disse sì all’operazione, con le proteste USA che volevano catturare i terroristi. Così l’aereo su cui erano imbarcati i 4 venne intercettato dai caccia americani e costretto ad atterrare a Sigonella (CT): fu crisi diplomatica tra USA e Italia, e solo quando i terroristi vennero arrestati dalle forze dell’ordine italiane, l’Egitto lasciò partire la nave. L’incubo durò 6 giorni e segnò un passaggio storico importante nella delicata ‘questione mediorientale’.

NATI DEL GIORNO – Niels Bohr (1885-1962), Danimarca, scienziato. Nato a Copenaghen, Niels Henrik David Bohr per un periodo indossò pantaloncini e scarpette, giocando come portiere dilettante nell’Akademisk Boldklub, insieme al fratello (quest’ultimo convocato anche in Nazionale). I problemi matematici però lo rapirono al calcio, lanciandolo nelle più prestigiose istituzioni scientifiche del suo Paese. Con i suoi studi sulla struttura dell’atomo e sulla meccanica quantistica meritò il Nobel per la Fisica 1922. Amico di Albert Einstein, arrivò al Nobel grazie al “modello atomico” pubblicato sulle teorie del chimico neozelandese Rutherford (Nobel per la Chimica 1908), in cui dimostrava che gli elettroni si muovono secondo orbite ben definite. Eletto nel ’39 presidente dell’Accademia reale danese delle scienze, gli fu intitolato il Bohrio, elemento chimico indicato con la sigla “Bh”.
Domenico ‘Mimmo’ Rotella (1918-2006), Italia, artista. Nato a Catanzaro e morto a Milano, viene ricordato come il maestro della pop art italiana. Per la sua notevole opera di pittore fu insignito della “medaglia d’oro” per le Arti Visive dal Presidente Ciampi. Cresciuto all’Accademia di belle arti di Napoli, viaggiò molto (Usa e Francia), venendo in contatto con le principali correnti pittoriche avanguardiste. Le sue opere più note furono i ‘décollages’, disegni impostati su manifesti pubblicitari strappati in diversi punti.
Vladimir Putin (1952), Russia, militare e politico. Nato a San Pietroburgo, è fra gli uomini più potenti della Terra. Dopo la carriera militare divenne agente del KGB, il servizio segreto sovietico, quindi passò alla politica negli anni ’90. Nominato da Eltsin primo ministro della Federazione Russa nel ’99, fu presidente della stessa dal 2000 al 2008 e poi dal 2012 a tutt’oggi. Infatti essendo impossibile il terzo mandato consecutivo, favori la presidenza del suo delfino Medvedev (’08-’12) che lo nominò primo ministro, poi nel terzo mandato (’12-’18) allungò la durata della presidenza da 4 a 6 anni, venendo rieletto presidente a marzo ’18, con scadenza 2024. Laureato nel ’75 in diritto internazionale alla Facoltà di Legge di Leningrado, funzionario del Partito Comunista, Putin è cintura nera di judo e nell’83 sposò  Ljudmila Skrebneva, con cui ebbe due figlie, Marija Putina (’85) ed Ekaterina Putina (’86). Dal 2013 è divorziato dalla moglie e, ad oggi, ha due nipoti. Tra Urss, Russia, paesi stranieri e accademie, Putin è stato insignito di ben 31 onorificenze.
Giorgio Di Centa (1972), Italia, ex-fondista. Nato a Tolmezzo (UD), fu campione olimpico a Torino 2006 e si ritirò a 45 anni. Partecipò a 4 Olimpiadi invernali: Nagano ’98, Salt Lake City ’02, Torino ’06 e Vancouver ’10, dove fu portabandiera. Nel suo medagliere ci sono 2 ori e 1 bronzo Olimpici più 1 argento e 3 bronzi Mondiali.
Fabio Basile (1994), Italia, judoka. La sua medaglia d’oro a Rio 2016, nella categoria 66 kg (ippon dopo 84 secondi), fu la 200^ medaglia italiana nella storia dei Giochi Olimpici estivi. Nato a Rivoli (TO), dal 2013 gareggia per l’Esercito. Nel 2017 partecipò a “Ballando con le stelle”, nel 2018 al “Grande Fratello VIP 3″.

Print Friendly, PDF & Email