9.6 C
Alessandria
sabato, Ottobre 16, 2021

Good news – Maggio 2014

DUNCAN-LOU

Al boxer Duncan Lou Who, da cucciolo, sono stati amputati gli arti posteriori a causa di una deformazione genetica. Incredibilmente ha superato l’handicap ed ora corre e gioca senza alcun problema!

[divide style=”3″]

VIDEO-GAME-ALZHEIMER

Si chiama
“Project: Evo”
il nuovo videogioco che diagnostica in anticipo il rischio di essere colpiti da Alzheimer nei soggetti sani anziani

[divide style=”3″]

bimbo-utero

“Hand of hope”.
Il piccolo Samuel, di sole 21 settimane, stringe il dito del chirurgo Dottor Bruner al termine di una difficile operazione svolta quando lui era ancora nel grembo materno.

[divide style=”3″]

cuore-natura

In tutto il mondo il cuore batte… non solo in noi uomini.

[divide style=”3″]

REGALARE LE FERIE A UN COLLEGA: IN FRANCIA È LEGGE

mathysIn Francia il Senato ha promosso la “legge Mathys” che permette ai lavoratori dipendenti, sia del pubblico che del privato, di poter regalare giorni di ferie a un collega in caso di un figlio gravemente malato.
Questa legge è il risultato di un grande gesto di solidarietà svolto dai colleghi di Christophe Germain.
Nel 2009, nello stabilimento Badoit di Saint-Galmier, tra i lavoratori si diffuse la notizia che il figlio del loro collega, Mathys, di soli 10 anni, già malato di tumore al fegato, aveva avuto una ricaduta.
Tutti si prodigarono immediatamente per cercare di aiutare in ogni modo Christophe. L’unica cosa che ebbe la forza di dire era che aveva bisogno di passare del tempo con suo figlio.
Purtroppo egli aveva esaurito i permessi ed i giorni di ferie e quindi non aveva modo di stare con il figlio. Così tra i colleghi nacque una specie di colletta di “giorni di ferie arretrati” da donargli. La direzione dell’azienda accettò questa richiesta e Christophe riuscì a stare a fianco del piccolo Mathys fino all’ultimo.

[divide style=”3″]

QR VIDA: IL BRACCIALETTO CHE SALVA LA VITA

qrvidaÈ stato adottato a Cagliari il braccialetto che può salvare la vita, soprattutto di anziani, soggetti con problemi psichici, di memoria, ma anche di bambini.
Si tratta di un particolare braccialetto dotato di ciondolo su cui sono incise a laser tutte le informazioni e i dati personali che possono essere utili ai soccorritori. È sufficiente essere forniti di uno smartphone o di un IPhone per poter leggere il QRCode inciso sul braccialetto QRVida. In questro modo sarà più facile e veloce per i servizi di emergenza intervenire tempestivamente.

[divide style=”3″]

ELEMOSINA AL “BARBONE” RICHARD GERE

gere-02Chi di noi non ha mai visto un “barbone” seduto ai margini della strada? In quanti abbiamo pensato bene di guardare dall’altra parte e proseguire per il nostro cammino come se niente fosse.
E quanto fastidio ci hanno dato poi quando ci si avvicinano chiedendoci qualche spicciolo…Anche la cronaca di questi giorni ci parla di “soluzioni anti barbone” attuate in alcune città d’Italia, come le panchine con il bracciolo centrale per impedire loro di sdraiarvisi sopra per dormire.
Ma lei non è come la maggior parte di noi. Parliamo di Karine Gombeau, una giovane francese in viaggio in America. Durante una passeggiata nel cuore di Manhattan nota questo senzatetto che sembra cercare del cibo nei cestini della spazzatura.
Colpita dal gesto di quell’uomo entra in un negozio e compra un pezzo di pizza e gielo porta.
Chi avrebbe mai detto che sotto gli abiti logori e sciupati di quel mendicante ci fosse uno degli attori più famosi e sexy di Hollywood, con un patrimonio da quasi 100 milioni di dollari, che stava girando il suo nuovo film.
La purezza di cuore della giovane francese lo ha arricchito sicuramente di più.

[divide style=”3″]

DUE ITALIANI TRA LA TOP100

TOP100Due italiani sono stati inclusi nella classifica annuale stilata dall’organizzazione internazionale Reporters Without Borders. Tra i primi 100 nomi compaiono quelli di due nostri connazionali che si sono distinti per il loro coraggio.
Il primo è Lirio Abbate, corrispondente dalla Sicilia per L’Espresso e La Stampa. È un esperto di criminalità organizzata e vive ormai da anni sotto la protezione di una scorta della polizia ma le minacce ricevute non hanno fermato la sua voglia di lottare.
Il secondo è Pino Maniaci, proprietario, direttore e conduttore di Telejato, una piccola emittente locale antimafia che trasmette dal suo appartamento di Partinico.
Questa la motivazione dell’attestato: “Attraverso il loro coraggio e il loro attivismo aiutano a promuovere la libertà di cercare, ricevere e impartire infomazioni attraverso i media” afferma Rwb, “sono un’esempio”.

Articolo precedenteFotovoltaico per tutti
Articolo successivoGli strumenti musicali più strani
0 0 voti
Valutazione articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
- Advertisement -

Popolari

Social

4,523FansMi piace
3,520FollowerSegui
2,512FollowerSegui
Zapping sfoglia PDF online
Zapping Casa sfoglia PDF online
Zapping da Leggere sfoglia PDF online

Ultimi articoli

0
Vorremmo sapere cosa ne pensi, scrivi un commento.x
()
x