Sabato 7 novembre, 312° giorno
dell’anno, 45^ settimana. Alla fine del 2020 mancano 54 giorni (bisestile)

0
1070
Lo studio di oggi di 'Striscia la Notizia' con i conduttori Gerry Scotti e Michelle Hunziker

FRASE DEL GIORNO – Il senso dell’umorismo, cioè la capacità di scorgere il lato comico anche di una situazione pericolosa o spiacevole, è una qualità del più alto valore per poter bene attraversare la vita. (Robert Baden-Powell)

SANTI DEL GIORNO – Sant’Ernesto di Zwiefalten (Abate), San Villibrordo (Vescovo),  San Prosdocimo di Padova (Protovescovo), San Baudino (Baldo, Vescovo di Tours), San Mamante e compagni (Martiri a Melitene), San Ierone e compagni (Martiri), San Prosdocimo di Rieti.

EVENTI DEL GIORNO – Nel 1929 inaugurato il ‘MoMA’ di New York. La caparbietà di tre donne dell’alta borghesia americana rese possibile un’opera cruciale per la memoria di un secolo di ingegno e creatività: il ‘Museo di Arte Moderna’ di New York. L’anima del gruppo fu Abby Aldrich Rockefeller, moglie dell’ultimogenito dell’uomo più ricco del mondo, che coinvolse due sue amiche (Lillie P. Bliss e Mary Quinn Sullivan) nell’impresa di dar vita a un nuovo spazio espositivo. Inaugurato il 7 novembre ’29, con l’America in ginocchio per il drammatico crollo della borsa, il MoMA rappresentò uno dei primi esempi di musei esclusivamente dedicati all’arte moderna e d’avanguardia. Nei decenni successivi la collezione crebbe fino ai numeri di oggi: 150.000 opere, 22.000 film, 4 milioni di fermi immagine, 300.000 libri e periodici, schede personali di 70.000 artisti.
Nel 1988 iniziò “Striscia la Notizia”. Dagli studi di Antennatre di Legnano andò in onda su Italia 1 la prima puntata di “Striscia la notizia – Giornale Radio”, 1° telegiornale satirico della storia della TV italiana, ideato da Antonio Ricci. Come conduttori 2 comici molto noti al pubblico, già coppia vincente a “Drive In”: Gianfranco D’Angelo, presente solo nella 1^ edizione, ed Ezio Greggio, volto storico da allora. Furono loro a leggere le ‘veline’ portate da ragazze avvenenti, chiamate con lo stesso termine. Incentrato sulla satira politica, il programma fu seguito da una media di 4 milioni di ascoltatori a puntata. Nel dicembre ’89 il varietà passò su Canale 5 in prima serata e, in pochi anni, ci furono cambiamenti che diedero un’impronta diversa al TG. Arrivarono gli inviati esterni, tra cui il celebre Gabibbo  (pupazzone rosso con accento genovese), pronti a denunciare sprechi, truffe e disagi: nacque così un nuovo modo di fare giornalismo, che univa informazione e satira. Accanto alla ‘denuncia’ comparve la ‘dissacrazione’ dei personaggi, ai quali fu riservato, dal ’96, lo speciale premio “Tapiro d’oro”, consegnato da Valerio Staffelli al bersaglio di turno.
Nel frattempo accanto a Greggio si avvicendarono Claudio Bisio, Lello Arena e, dal ’94, Enzo Iacchetti, che fa coppia fissa con lui, passando per i duo Ficarra/Picone Hunziker/Scotti. Alcuni dati dell’Università Bocconi di Milano danno un’idea della portata del fenomeno: dal ’92 al ’10, grazie alle segnalazioni di ‘Striscia’, su 58 miliardi di euro di sprechi di denaro pubblico denunciati, ne vennero recuperati 7,8.

NATI DEL GIORNO – Marie Curie (1867-1934), Polonia, scienziata. Il suo contributo alla ricerca fu inestimabile e i 2 Premi Nobel vinti nel 1903 e nel 1911, per la Fisica e la Chimica, rappresentano il degno riconoscimento a un’intera vita spesa per la scienza.
Nata a Varsavia come Maria Salomea Skłodowska (poi sposò il collega Pierre Curie), dal momento che nella sua terra le donne non potevano frequentare gli studi, si trasferì a Parigi dove condusse le ricerche che la portarono ad analizzare le sostanze radioattive, fino alla sensazionale ‘scoperta del radio e del polonio’. Fu la prima donna ad insegnare alla Sorbona e durante la Grande Guerra si occupò, come radiologa, dei soldati feriti. Pagò a caro prezzo i lunghi studi sulle radiazioni: contrasse una grave forma di anemia aplastica che la condusse a morte nel luglio del 1934, a Passy.
Albert Camus (1913-1960), Francia, letterato. E’ uno dei padri dell’esistenzialismo ateo.
Nato a Mondòvi (Algeria) e morto in un incidente stradale a Villeblevin (Francia), fu l’ultimo di 10 premi Nobel francesi che dominarono la scena nella prima metà del XX secolo.  L’uomo, con i suoi turbamenti di fronte all’esistenza e al destino assurdo e inevitabile, rappresenta il filo rosso che tiene assieme gli scritti di Camus, suddivisi tra opere teatrali, saggi e romanzi. Tra questi ultimi sono noti “Lo straniero” (’42) e “La peste” (’47).
Luigi ‘Gigi’ Riva (1944), Italia, ex-calciatore e dirigente. Nato a Leggiuno (VA), fu un famoso attaccante di Legnano e Cagliari negli anni ’60 e ’70: disputò 400 gare segnando 214 gol. In Nazionale è il miglior marcatore di sempre con 35 gol in 42 partite.
Promosso dalla B alla A col Cagliari ’63-’64, vinse uno scudetto con i rossoblù (’69-’70) e il Campionato Europeo ’68 con gli azzurri. Soprannominato “rombo di tuono”, nel ’70 arrivò 2° al Mondiale del Messico con la nazionale e nel 2005 la società Cagliari, in suo onore, ritirò per sempre la maglia numero 11. Lasciato il calcio giocato, nel ’90 iniziò la sua attività con la Federazione Italiana, prima come dirigente accompagnatore e poi come team manager della nazionale fino al maggio ’13. Presidente onorario del Cagliari, vanta i titoli di Commendatore, Grand’Ufficiale, Stella d’Oro e Collare d’Oro al merito sportivo.

Print Friendly, PDF & Email