Giovedì 26 dicembre, 360° giorno dell’anno, 52^ settimana. Alla fine
del 2019 mancano 5 giorni

0
442
Il dipinto 'Vuccirìa', ispirato all'omonimo mercato di Palermo, è il capolavoro di Renato Guttuso

FRASE DEL GIORNO – Il comunismo non ha nulla a che vedere con l’amore. Il comunismo è un eccellente martello che usiamo per distruggere il nostro nemico. (Mao)

SANTI DEL GIORNO – Santo Stefano (Primo Martire, protettore di diaconi, frombolieri, muratori, scalpellini, selciatori e tagliapietre), San Dionigi (o Dionisio, Papa), San Zosimo (Papa), Sant’Evaristo di Costantinopoli (Abate).

EVENTI DEL GIORNO – Dal 1947 il giorno successivo al Natale è dedicato a Santo Stefano, festa istituita in quell’anno (come la Pasquetta) per allungare le feste natalizie e agevolare il rientro dopo le feste.
Nel 2004 l’Indonesia fu sconvolta dallo ‘tsunami’. Verso le 8, ora locale (le 2 di notte in Italia), la terra tremò per un tremendo terremoto di magnitudo 9.0 della scala Richter, il cui epicentro venne localizzato al largo della costa di Sumatra, nel golfo del Bengala. L’evento sprigionò un’energia di proporzioni inaudite che, spingendo dagli abissi marini verso l’alto, originò un maremoto. Onde alte fino a 15 metri, ribattezzatetsunami’ (‘onda del porto’ in giapponese) che raggiunsero a 800 km/h le coste dell’Indonesia e dei vicini stati sul golfo (Thailandia, Birmania, Bangladesh, India, Sri Lanka e Maldive), fino alle lontane coste della Somalia e del Kenya (a più di 4.000 km dall’epicentro). L’impatto fu spaventoso e gli effetti del maremoto si verificarono tra i 15 minuti e le 10 ore dopo.
Il bilancio definitivo fu di 230.000 morti, 22.000 dispersi, fra 3 e 5 milioni di sfollati

NATI DEL GIORNO – Mao Tse-tung (1893-1976), Cina, politico. Grande rivoluzionario, fu il più crudele fra i dittatori del XX secolo. Nato a Shaoshan, guidò il Partito Comunista Cinese dal 1943 fino alla morte, portandolo al governo del Paese e facendone l’unico partito esistente in Cina. Fu fautore del ‘maoismo’, una sorta di marxismo-leninismo nel nome del quale strinse un’alleanza con l’URSS. Nel periodo di Mao la Cina fu unificata, liberata dalla dominazione straniera e furono usati abitualmente repressione e lavori forzati. La sua dittatura provocò circa 40 milioni di morti, ma per alcuni sono stime ottimistiche. Forse furono di più. Si distrussero le famiglie. Uomini e donne furono separati e inviati a lavorare fino a 20 ore al giorno in unità diverse, dormendo all’addiaccio o in tende malsane e mangiando pochissimo nelle mense. Emblematica fu la dichiarazione di un suo collaboratore di allora che disse: “Tutto è collettivo, anche le persone umane”.
Renato Guttuso (1911-1987), Italia, pittore. Nato a Bagheria (PA), fin dalle prime opere trasse ispirazione dal mondo contadino siciliano e dalla quotidianità di Palermo. Un tratto costante anche della maturità, come dimostra il capolavoroVuccirìa” (’74), descrizione realistica e suggestiva di una scena quotidiana dell’omonimo mercato di Palermo, tra i più affascinanti della città. Il termine ‘vucciria’ deriva dal francese boucherie (macelleria) che in siciliano ha anche assunto il significato di confusione, tipica del mercato. Nella sua produzione dominano i temi politico-sociali, influenzati dalla militanza nel Partito Comunista Italiano, di cui disegnò lo storico simbolo, conservato fino allo scioglimento del 1991.
Alex Schwazer (1984), Italia, marciatore. Nato a Vipiteno (BZ), vinse l’oro Olimpico a Pechino ’08 nei 50 km di marcia, e sempre su quella distanza portò a casa anche 2 bronzi Mondiali e 1 oro Europeo. A pochi giorni da Londra ’12 il CONI, in seguito all’esito positivo di un controllo antidoping, lo escluse dalla squadra olimpica di marcia, poi lo sospese. Il Tribunale Nazionale Antidoping, nell’aprile ’13, lo squalificò fino al 29 aprile ’16. Non smise mai di allenarsi e rientrò in attività: ai Mondiali a squadre vinse la 50 km e si qualificò per Rio ’16. Il 22 giugno ’16 però fu comunicata alla FIDAL la nuova positività di Schwazer ad un controllo anti-doping a sorpresa del 1º gennaio precedente. Per questo la IAAF lo sospese in via cautelare e il 10 agosto ’16 il TAS lo squalificò per 8 anni, annullando tutti i suoi risultati sportivi del ’16. Nuove analisi portate avanti nel luglio ’18 dal RIS di Parma (nell’ambito dell’indagine penale relativa) rivelarono un’alta concentrazione di DNA all’interno dei campioni di urina ‘positivi’, il che fece nascere sospetti di manipolazioni.
Per molti commentatori si tratta di una strategìa già vista nel ‘caso Pantani’.

Print Friendly, PDF & Email