Sabato 1° agosto, 214° giorno
dell’anno, 31^ settimana. Alla fine del 2020 mancano 152 giorni (bisestile)

0
1148
Boy scouts in cammino. Il movimento 'scout' nacque in Inghilterra nel 1907, ideato dal generale Robert Baden-Powell

FRASE DEL GIORNO – Cercate di lasciare questo mondo un po’ migliore di quanto non l’avete trovato. (Robert Baden-Powell)

SANTI DEL GIORNO – Sant’Alfonso Maria de’ Liguori (Sacerdote e Dottore della Chiesa, protettore dei teologi), San Buono (Martire), San Rubil (Ruben, Monaco),  Sant’Eleazar (Scriba e Martire), Santi Maccabei, sette fratelli (Martiri).

EVENTI DEL GIORNO – Nel 1291 nacque la Svizzera. Per proteggersi dalle pretese feudatarie della casa d’Asburgo, le comunità rurali di Uri, Svitto e Unterwaldo strinsero un’alleanza di mutua difesa nell’eventualità di un conflitto. Questo accordo prese il nome di ‘Patto del Grütli’, segnando così la nascita della prima Confederazione Elvetica. I tre cantoni centrali riuscirono ad ottenere importanti autonomie territoriali e a coinvolgere nell’alleanza altre località vicine. La moderna Svizzera prese la sua definitiva struttura statale con la Costituzione del 1848, che mise fine all’indipendenza dei cantoni, accentrando i principali poteri nelle mani del governo federale, come la difesa nazionale e la moneta. Distinta da sempre per la sua neutralità bellica, la nazione elvetica, che oggi ha circa 8 milioni e mezzo di abitanti, entrò a far parte dell’ONU solo nel 2002 ed è una delle piazze finanziarie più importanti al mondo. Il 1° agosto è Festa nazionale.
Nel 1907 nacque lo scoutismo. Sull’isola di Brownsea (Inghilterra) si radunò un gruppo di 20 ragazzi con 7 adulti in veste di coordinatori: fu il primo campo scout della storia.
Nato da un’idea del generale inglese sir Robert Baden-Powell, lo scoutismo si pose come proposta educativa ed esistenziale, complementare alla famiglia ed alla scuola. Basato sul principio dell’imparare facendo, la disciplina scout mira a formare il carattere e la personalità dei giovani adolescenti stimolando il senso di responsabilità, di competenza personale e di collaborazione. Tutto questo all’aria aperta, a stretto contatto con la natura.
Attualmente lo scoutismo conta oltre 30 milioni di iscritti in circa 216 paesi nel mondo.
Nel 1981 debuttò MTV. Il primo video mandato in onda fu ‘Video killed the radio star’ dei Buggles e l’impatto fu epocale: MTV (Music TeleVision) rappresentò una rivoluzione del modo di fruire la musica. La suggestione dei videoclip, i programmi che cavalcarono mode e tendenze, l’avvento dei ‘V.J.’ (Video-Jockey, adattamento ed evoluzione dei D.J. radiofonici) influenzarono l’immaginario e i gusti di intere generazioni. Nel ’15 venne rilevata da SKY, nel ’18 passò al canale 130 del digitale terrestre.

NATI DEL GIORNO – Herman Melville (1819-1891), Usa, scrittore. Nato a New York, trasse dal suo vissuto di marinaio l’ispirazione per la produzione letteraria di scrittore, poeta e critico letterario. Per gli amanti della narrativa d’avventura è semplicemente il papà di ‘Moby Dick’, la mitica balena bianca rincorsa dal capitano Achab. Ebbe successo con i primi romanzi mentre il suo capolavoro, ‘Moby Dick’ (1851), fu accolto con freddezza e solo a molti anni dalla sua morte fu rivalutato, diventando un caposaldo della narrativa Usa. In suo onore fu chiamato ‘Leviathan melvillei’ un cetaceo del miocene, simile al capodoglio.
Yves Saint Laurent (1936-2008), Francia, stilista. Nato a Orano (Algeria) come Yves Henri Donat Mathieu Saint Laurent, fu una delle firme più prestigiose della moda francese del ‘900. Fin da bambino creò bambole di carta e nell’adolescenza disegnò vestiti per la madre e le sorelle. Direttore artistico della maison Dior nel ’57, fu  costretto ad arruolarsi nell’esercito francese a causa della guerra d’indipendenza algerina. Dopo 20 giorni di ‘naja’, lo ‘stress da nonnismo’ portò Saint-Laurent ad un ricovero nell’ospedale militare. Dior lo licenziò e ciò appesantì lo stato d’animo di Yves, sottoposto a cure psichiatriche con sedativi, psicofarmaci ed elettroshock. Saint Laurent poi confessò di far risalire a questo periodo in ospedale l’origine dei suoi problemi mentali e della dipendenza da droghe.
Oltre all’attività di stilista raccolse più di 730 opere d’arte (Picasso, Matisse, Goya, sculture e reperti). Dopo la morte il suo compagno decise di mettere all’asta la collezione: parte dei 342 milioni di euro ricavati vennero destinati alla ricerca sull’AIDS.
Giancarlo Giannini (1942), Italia, attore. Nato a La Spezia, è una stella del cinema italiano con alle spalle mezzo secolo di carriera come attore, doppiatore e regista. L’impatto con la recitazione avvenne a 18 anni con il grande Franco Zeffirelli, che lo diresse a teatro in “Romeo e Giulietta” all’Old Vic di Londra e ne “La Lupa”, accanto alla celebre Anna Magnani. Al cinema, dopo gli esordi del ’65, raggiunse la consacrazione grazie al sodalizio con la regista Lina Wertmüller: “Mimì metallurgico ferito nell’onore” (’72), “Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto” (74) e “Pasqualino Settebellezze’ (’77). Negli anni il suo curriculum artistico s’impreziosì con le firme di mostri sacri come  Luchino Visconti, Mario Monicelli, Dino Risi, Nanni Loy, Francis Ford Coppola, Ridley Scott. Molto importante anche la carriera di doppiatore: la sua voce roca ‘italianizzò’ in molti film le performances di Al Pacino, Jack Nicholson, Michael Douglas e Gérard Depardieu.

 

Print Friendly, PDF & Email