Lunedì 24 febbraio, 55° giorno dell’anno, 9^ settimana. Alla fine del 2020 mancano 311 giorni (bisestile)

0
1264
Steve Jobs, genio assoluto che rivoluzionò il mondo dell'informatica e della telefonia, nacque 65 anni fa a San Francisco

FRASE DEL GIORNO – Per essere felici è necessario vivere nel piacere, ma questa condizione va vissuta con prudenza. (Epicuro)

SANTI DEL GIORNO – Beato Costanzo Servoli da Fabriano (Domenicano), San Sergio (Martire), San Modesto di Treviri (Vescovo), Sant‘Evezio di Nicomedia (Martire),  Sant’Etelberto (Re del Kent), Sant‘Edilberto (Re dei Canzii in Inghilterra).

EVENTI DEL GIORNO – Nel 1918 ci fu la Dichiarazione d’Indipendenza dell’Estonia. E’ il giorno più sentito dal popolo estone. Maturato come atto di ribellione nei confronti dell’impero tedesco, il ‘manifesto’ fu anche il simbolo della lotta contro l’invasione sovietica che si arrese e riconobbe la nuova Repubblica dell’Estonia nel 1920. In quella fase fu adottata per la prima volta la bandiera ufficiale con i coloriblu’ (cielo, laghi e mare del Paese), nero (abiti contadini del passato) e bianco (luce e virtù cercate dal popolo).
Nel 1955 debuttò il film “Marcellino pane e vino”.  Nell’elenco delle pellicole evergreen per genitori e figli, occupa un posto speciale questo film, storia di un bambino che aveva per famiglia un gruppo di frati e per amici Gesù e l’immaginario Manuél.
Nel 1990 morì a 94 anni Sandro Pertini, il “presidente più amato di sempre”, protagonista sul campo di quasi 70 anni di storia nazionale, dalla Prima guerra mondiale alla fine degli “anni di piombo”, personalità autorevole e integerrima sul piano politico.
Nel 2003 morì a 83 anni Alberto Sordi. “Essere italiano nel bene e nel male” fu la cifra distintiva della sua cinquantennale carriera di attore e regista, tra i maggiori interpreti della commedia all’italiana. L’Albertone nazionale, nato a Trastevere, nel cuore della vecchia Roma, visse la romanità come tratto imprescindibile della sua personalità artistica, dando continuità alla grande tradizione capitolina.
Nel 2003 l’Italia vinse l’Europeo di calcio a 5. Si giocò in Campania, fra Palasport di Aversa e PalaMaggiò di Caserta. Con 8 Nazionali al via (2 gironi), l‘Italia vinse il girone A a punteggio pieno, battè 2-1 la Spagna in semifinale e 1-0 la Cechia in finale.

NATI FAMOSI – Marta Marzotto (1931-2016), Italia, sarta e modella. Nata a Reggio Emilia come Marta Vacondio, figlia di un casellante delle Ferrovie e di una mondina, iniziò a lavorare sin da piccola come mondina, facendo poi la sarta e la modella. In tale veste conobbe il conte Umberto Marzotto, comproprietario di un’industria tessile, che sposò nel ’54 dopo 2 anni di fidanzamento e da cui ebbe 5 figli: Paola (’55), Annalisa (’57-’89), Vittorio Emanuele (’60), Maria Diamante (’63) e Matteo (’66). Di lui conservò il cognome anche dopo il divorzio. A fine anni ’60 iniziò una travolgente storia ventennale col pittore  Renato Guttuso, di cui fu musa ispiratrice e amante nella storia nota alle cronache come ‘favola’ tra la contessa aristocratica e il pittore comunista. Dopo la fine improvvisa della storia con Guttuso (’86), la Marzotto ne ebbe un’altra, decennale, col ‘comunistissimo’ Lucio Magri, politico e fondatore, con altri, de “Il Manifesto”, in Parlamento per 5 legislature. Nel 2000 ottenne la cittadinanza onoraria di alcuni comuni casertani per la lotta alla camorra. Presente in TV come opinionista e intrattenitrice, si rilanciò come costumista e disegnatrice di gioielli, creando collezioni di oggetti d’arredo. Morì a Milano a 85 anni.
Steve Jobs (1955-2011), Usa, informatico. Genio dell’informatica, imprenditore creativo, opinion leader, visionario. È stato tutte queste cose in 35 anni di carriera professionale, vissuta con un solo e unico scopo: cambiare il mondo! Fondò la Apple, produsse il McIntosh e l’Iphone cambiando per sempre la vita delle persone. Nato a San Francisco (California) e subito dato in adozione, Steven Paul Jobs trascorse infanzia e giovinezza tra Mountain View (dove oggi ha sede Google) e Cupertino, nel cuore della Silicon Valley. Conquistato dalla controcultura degli anni ’60, contrario alle convenzioni di ogni tipo, manifestò presto la sua indole solitaria e visionaria. Morto di tumore al pancreas nell’ottobre 2011, lasciò un patrimonio valutato, nel 2018, 8,3 miliardi di dollari.
Alain Prost (1955), Francia, ex-pilota. Nato a Lorette come Alain Marie Pascal Prost, dall’80 al ’93 corse in Formula Uno, disputando 202 GP, vincendo 51 volte e ottenendo 106 podi. Fu 4 volte Campione Mondiale Piloti: con la McLaren negli anni ’85, ’86 e ’89, con la Williams nel ’93. Ha corso anche con le scuderie Renault (’81-’83) e Ferrari (’90-’91).
Alessandro Gassman (1965), Italia, attore. Figlio di cotanto padre, dall’illustre genitore ha ereditato soprattutto l’ecletticità nell’alternare ruoli drammatici e brillanti, sia sul set che sul palcoscenico. Romano de Roma, è il terzogenito dell’indimenticabile “mattatore” Vittorio Gassman, unico nato dal matrimonio con l’attrice francese Juliette Mayniel. Sposato con Sabrina Knaflitz dal ’98, da lei ha avuto il figlio Leo (’98), vincitore all’ultimo Festival di Sanremo della sezione ‘Nuove Proposte’ con il brano “Vai bene così”.

 

Print Friendly, PDF & Email