Martedì 1° settembre, 245° giorno
dell’anno, 36^ settimana. Alla fine del 2020 mancano 121 giorni (bisestile)

0
1459
L'inimitabile Vittorio Gassman, grande attore e 'mattatore' del cinema italiano, nacque nel 1922

FRASE DEL GIORNO – Recitare non è molto diverso da una malattia mentale: un attore non fa altro che ripartire la propria persona con altre. È una specie di schizofrenia.  (Vittorio Gassman). 

SANTI DEL GIORNO – Sant’Egidio (Abate, protettore di zoppi, lebbrosi e balie), San Giosuè (Patriarca), San Lupo di Sens (Vescovo), Sant’Arealdo di Brescia (Martire), San Prisco di Capua (Vescovo), San Nivardo (Nivo) di Reims (Vescovo), San Terenziano (Martire), San Tammaro (Vescovo), Sant’Adiutore (Vescovo), Santa Colomba (Eremita).

EVENTI DEL GIORNO – Nel 1902 primo film di fantascienza. Un gruppo di astronomi si lanciò alla conquista della Luna, raggiunta a bordo di un proiettile che si piantò nell’occhio del volto disegnato sul satellite. Qui se la videro con i Seleniti, che sembravano grossi crostacei. Era la trama di “Viaggio nella Luna”, diretto da Georges Méliès. Ispirato a grandi classici del genere, viene considerato il primo esempio di film di fantascienza e una pietra miliare della storia del cinema.
Nel 1994 uscì “Il Postino” di Troisi. Nella placida Salina del ’52 il tranquillo Mario Ruoppolo (Massimo Troisi) porta la posta al famoso poeta Pablo Neruda (Philippe Noiret), rifugiatosi sull’isola con l’asilo politico. Con lui Mario stringe una profonda amicizia che lo porta ad amare la poesia e ad avvicinarsi al comunismo. Il film, che uscì 3 mesi dopo la morte di Troisi, vinse l’Oscar per la colonna sonora e fu, di fatto, il testamento spirituale dell’attore, scomparso il giorno dopo la fine delle riprese.

NATI DEL GIORNO – Tarsila do Amaral (1886-1973), Brasile, pittrice. Ebbe una grande influenza nell’arte basata su temi nazionali. Di lei fu detto: “E’ la più brasiliana dei pittori, rappresenta il sole, gli uccelli e gli spiriti giovanili del nostro paese in via di sviluppo, in maniera semplice come gli elementi della nostra terra e natura… la vita di Tarsila è un segno del carattere caldo brasiliano e un’espressione della sua esuberanza tropicale”.
Vittorio Gassman (1922-2000), Italia, attore. Nato a Genova da  Heinrich Gassmann, ingegnere civile tedesco, e Luisa Ambron, ebrea nativa di Pisa, fu uno dei più grandi attori italiani. Raggiunse la popolarità in TV grazie alla trasmissione “Il mattatore”, da lui condotta e da prese il soprannome. Lavorò con i migliori registi (De Sica, Risi, Monicelli, Rossellini) e per lungo tempo fu protagonista della ‘commedia all’italiana’ con Tognazzi, Sordi e Manfredi. Tra i film più famosi: “Riso amaro” (’49), “I soliti ignoti” (’58), “La grande guerra” (’59), “Il sorpasso” (’62) e “L’armata Brancaleone” (’66). Ricevette 1 Leone d’oro alla carriera (’96), un premio a Cannes ’75 (miglior attore in “Profumo di donna”) e 11 David di Donatello. Innamorato del teatro, dal ’79 al ’94 diresse la Bottega Teatrale di Firenze, da lui creata, scuola di recitazione che si occupava di formare e preparare giovani attori provenienti da tutta Italia (fra cui l’alessandrino Massimo Bagliani). Come doppiatore Gassman fu voce fuori campo in “Romeo e Giulietta” (’68) di Zeffirelli, e il vecchio leone Mufasa nel film d’animazione Disney “Il re leone” (’94).
Nella vita privata ebbe 3 mogli e 3 compagne, sempre colleghe attrici, e 4 figli: Paola (’45, da Nora Ricci), Vittoria (’53, da Shelley Winters), Alessandro (’65, da Juliette Mayniel) e Jacopo (’80, da Diletta D’Andrea).
Gloria Estefan (1957), Cuba, cantante e attrice. Nata a L’Avana come Gloria María Milagrosa Fajardo García, aveva solo 1 anno quando la sua famiglia fuggì da Cuba, essendo suo padre la guardia del corpo della moglie del dittatore Fulgencio Batista. Naturalizzata americana, nel ’78 sposò Emilio Estefan e ne assunse il cognome. Ha venduto più di 100 milioni di dischi e la sua voce è una delle più conosciute ed apprezzate negli Usa. Nel ’09 si esibì alla Casa Bianca, in occasione della festa latina, e 4 anni dopo pubblicò l’album di cover ‘The Standards’, in cui duettò con Laura Pausini nel brano “Sonríe”.
Ruud Gullit (1962), Olanda, ex-calciatore e allenatore. Nato ad Amsterdam, giocò 570 partite e segnò 224 gol. Pallone d’oro ’87, vinse 1 campionato di B (Haarlem), 3 scudetti olandesi (1 Feyenoord, 2 PSV), 1 Coppa d’Olanda (Feyenoord), 3 scudetti italiani (Milan), 3 Supercoppe italiane (Milan), 1 Coppa Italia (Sampdoria), 1 Coppa d’Inghilterra (Chelsea),
2 Coppe dei Campioni, 2 Supercoppe Uefa e 2 Coppe Intercontinentali (Milan)
.
Con la Nazionale olandese (66-17) vinse l’Europeo 1988.

 

Print Friendly, PDF & Email