Da Silvano d’Orba ad Amatrice: solidarietà per le aziende terremotate

0
1170

Silvano d’Orba. Iniziativa messa in campo dal Comune in collaborazione con la Coldiretti: consegnato il ricavato di manifestazioni, pacchi dono ai bambini e materiale scolastico.

Il tremendo sisma che ha colpito il centro Italia, oltre a causare un elevato numero di vittime e la distruzione quasi totale di interi borghi e paesi nelle province di Rieti e Ascoli Piceno, ha colpito gravemente numerose imprese agricole che rappresentavano, specie nella zona di Amatrice, uno dei momenti più significativi degli allevamenti bovini e ovini di quel territorio.
Le generose azioni di solidarietà, che si sono immediatamente attivate, si sono concentrate e si stanno concentrando prevalentemente sulle esigenze della popolazione.

Aiuti concreti messi in campo grazie ad iniziative come quella organizzata dal Comune di Silvano d’Orba.

p_20161126_130509Nei giorni scorsi, infatti, una delegazione guidata dal sindaco Ivana Maggiolino, dal vice sindaco Giuseppe Coco, dall’assessore Massimiliano Campora e dal consigliere Sasha Bisio si è recata ad Amatrice con il rappresentante della Coldiretti, il consigliere Paolo Tacchino, per consegnare il ricavato delle manifestazioni svoltesi l’11 e il 24 settembre organizzate e partecipate da tutte le Associazioni silvanesi, dagli esercenti delle attività commerciali, dalla scuola alle quali si sono aggiunte numerose donazioni di privati.

In collaborazione con la Coldiretti di Alessandria e di Rieti sono state individuate quattro famiglie/aziende di allevatori colpite duramente dal sisma del 24 agosto: Valeria Cavezzi, Ernesto D’Alessio, Pietro D’Angelo e Annunzia Pica.

E poiché il Natale si sta avvicinando, gli amici del “Raduno Auto d’Epoca San Pancrazio” hanno donato ai bambini della Scuola Primaria e dell’Infanzia 150 pacchi regalo con diversi tipi di giocattoli: un piccolo pensiero da mettere sotto l’albero. Ma non solo: infatti, è stato consegnato anche materiale scolastico e libri donati da privati.

La giornata si è conclusa con il saluto del sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi che ha detto: “Noi non vogliamo essere solo un paese da cartolina, ma un paese da vivere”.

“E il paese di Silvano ha preso alla lettera queste parole: è e sarà vicino ad Amatrice e alle sue frazioni perchè come diceva Madre Teresa di Calcutta – ha aggiunto il primo cittadini di Ivana Maggiolino – “Sappiamo bene che ciò che facciamo non è che una goccia nell’oceano ma se questa goccia non ci fosse all’oceano mancherebbe”.

Print Friendly, PDF & Email