10 C
Alessandria
lunedì, Ottobre 25, 2021

Richiesta di rinvio a giudizio per Berlusconi

MILANO – Il Gip di Milano; Stefania Donadeo; ha ordinato al pm di Milano di formulare la richiesta di rinvio a giudizio per Silvio Berlusconi accusato di concorso in rivelazione di segreto d’ufficio per la vicenda della fuga di notizie sull’intercettazione tra Giovanni Consorte e Piero Fassino ai tempi della scalata alla Bnl.

Il pm aveva chiesto l’archiviazione per il premier; ma il gip non aveva accolto la richiesta e aveva fissato lo scorso luglio un’udienza per far discutere le parti.

Oggi è arrivato il provvedimento del giudice che ha disposto l’imputazione coatta per Berlusconi; ossia il pm dovrà formulare la richiesta di processo per il presidente del Consiglio e la richiesta arriverà poi davanti a un altro giudice; un gup; che dovrà esaminarla.

Berlusconi rischia; dunque; qualora il gup accogliesse la richiesta; di dover affrontare un altro processo a Milano; dopo quelli già in corso sui casi Ruby; Mediaset; Mediatrade e Mills. Per la vicenda del passaggio di mano della famosa intercettazione “abbiamo una banca” tra Fassino e Consorte ai tempi della scalata di Unipol alla Bnl; è già a processo il fratello del premier; Paolo Berlusconi; editore de ‘il Giornale’; e la prima udienza è fissata per ottobre.

L’intercettazione venne pubblicata sul quotidiano della famiglia Berlusconi il 31 dicembre del 2005 e; secondo l’accusa; venne ‘trafugata’ dai computer della Procura di Milano quando ancora erano in corso le indagini e doveva restare segreta. Per la stessa vicenda è già stato condannato con rito abbreviato l’imprenditore Fabrizio Favata e ha patteggiato Roberto Raffaelli; all’epoca titolare dell’azienda che si occupava delle intercettazioni per conto dei pm milanesi.

Stando alle indagini; il premier la vigilia di Natale del 2005 ricevette ad Arcore Favata e Raffaelli; alla presenza anche di Paolo Berlusconi; i quali sarebbero andati nella villa del presidente del Consiglio per fargli ascoltare il ‘nastro’ con l’intercettazione. Da qui l’accusa di concorso nella rivelazione del segreto d’ufficio.

Il gip di Milano Stefania Donadeo ha disposto inoltre che la Procura di Milano iscriva nel registro degli indagati anche il direttore di ‘Libero’; Maurizio Belpietro; che all’epoca della fuga di notizie sull’intercettazione tra Piero Fassino e Giovanni Consorte era direttore de ‘il Giornale’. Belpietro deve rispondere della stessa accusa di Berlusconi; il concorso nella rivelazione del segreto d’ufficio.

La Procura di Milano; stando a quanto si è saputo; potrebbe formulare già domani la richiesta di processo per Silvio Berlusconi; come ordinato dal gip Stefania Donadeo; per l’accusa di concorso in rivelazione di segreto d’ufficio per la vicenda del passaggio di mano dell’ intercettazione tra Piero Fassino e Giovanni Consorte ai tempi della scalata alla Bnl.

GIP; CI SONO ELEMENTI PER PROCESSARE PREMIER – Il gip di Milano Stefania Donadeo; che ha ordinato alla Procura di Milano l’imputazione coatta per Silvio Berlusconi per concorso in rivelazione di segreto d’ufficio; nelle motivazioni del suo provvedimento; in sostanza; dopo aver ricostruito la vicenda della fuga di notizie sull’ intercettazione tra Piero Fassino e Giovanni Consorte; spiega che ci sono gli elementi per processare il presidente del Consiglio. Secondo il gip; infatti; da quanto si è appreso; il fatto che Berlusconi abbia ricevuto ad Arcore; il 24 dicembre 2005; gli imprenditori Fabrizio Favata e Roberto Raffaelli che volevano fargli ascoltare il ‘nastro’ trafugato; che poi abbia ascoltato l’audio ed abbia anche ringraziato; sono tutti elementi che proverebbero la consapevolezza del premier nel concorrere nel reato.

GIP; NASTRO REGALO A PREMIER IN VISTA ELEZIONI – Il nastro dell’intercettazione tra Piero Fassino e Giovanni Consorte ai tempi della scalata alla Bnl fu un “regalo ricevuto” da Silvio Berlusconi “stante l’ approssimarsi delle elezioni politiche”. Lo scrive il gip di Milano; Stefania Donadeo; nell’ordinanza con cui ha ordinato l’ imputazione coatta per il premier. La pubblicazione dell’intercettazione su Il Giornale; infatti; scrive il gip; “avrebbe leso; così come è stato; l’immagine di Piero Fassino”.

BELPIETRO TRANQUILLO; DI QUESTA STORIA NON SO NULLA – “Di questa storia non so nulla. Ho pubblicato la notizia delle intercettazioni perché mi era arrivata da un collega che me la ha data. Di tutto il resto non so nulla”. Lo dice Maurizio Belpietro. “Di questi personaggi non so nulla. Adesso leggerò anche le carte per capire perché vengo coinvolto in questa vicenda. Vedremo; io la ho pubblicata come tutte le intercettazioni. Facciamo questo mestiere” dice all’ANSA Belpietro. Poi aggiunge: “Sono tranquillo; assolutamente. Non ho motivo di non esserlo. Appena gli avvocati hanno guardato le carte; sentirò”.

Articolo precedenteDIALOGO E ASCOLTO
Articolo successivoScuola dellinfanzia si o no?
0 0 voti
Valutazione articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
- Advertisement -

Popolari

Social

4,523FansMi piace
3,520FollowerSegui
2,512FollowerSegui
Zapping sfoglia PDF online
Zapping Casa sfoglia PDF online
Zapping da Leggere sfoglia PDF online

Ultimi articoli

0
Vorremmo sapere cosa ne pensi, scrivi un commento.x
()
x