Riapertura della Sala Ferrero del Teatro Comunale

0
790

La Sala Ferrero del Teatro Comunale di Alessandria riapre. Oggi, sabato 16 aprile, avrà luogo la sua inaugurazione, alla quale si susseguiranno molti appuntamenti. Questo il calendario:

-Oggi, sabato 16 aprile, alle ore 21: “Quintetto pianoforte e archi” – Artisti del teatro regio di Torino.
Fation Hoxholli violino, Enrico Carraro viola, Amedeo Cicchese violoncello, Davide Ghio contrabbasso, Luca Brancaleon pianoforte. Programma: Johann Nepomuk Hummel: Gran Quintetto in mi bemolle minore op. 87, Franz Schubert: Quintetto in la maggiore (La trota).

-Giovedì 5 maggio 2016, alle ore 21: “Gl’innamorati underground” – di Carlo Goldoni, con Fabio Bisogni, Roberta Calia, Andrea Fazzari, Marco Lorenzi, Barbara Mazzi, Raffaele Musella. Regia Marco Lorenzi. Scene e costumi Gaia Moltedo. Musiche originali Davide Arneodo (Marlene Kuntz). Movimenti scenici Daniela Paci. Assistente alla regia Alba Maria Porto- Produzione Fondazione del Teatro Stabile di Torino/Il Mulino di Amleto in collaborazione con Tedacà.

La storia de Gl’Innamorati si svolge per intero in un luogo solo, chiuso, un po’ claustrofobico e un po’ decadente che Goldoni chiama la stanza “commune” di una casa piuttosto strana. Lo sguardo di Goldoni entra in questa casa con tenerezza e umanità e ci regala un affresco stupendo di una società in piena crisi economica e di valori. Nessuno dei personaggi sembra accorgersi del baratro verso il quale il mondo al di fuori di quella stanza “commune” sta correndo. In tutto questo, l’amore tormentato e immaturo di Eugenia e Fulgenzio rappresenta la speranza, la vitalità e la possibilità che, nonostante tutto, un futuro sia possibile. Per questo motivo al centro dell’allestimento non ci saranno solo i due innamorati, ma anche lo spazio “commune” dove dovranno lottare (soprattutto contro sé stessi) per costruire tutta questa “Grande Bellezza”.

-Giovedì 12 maggio 2016, alle ore 21:00: “Vergine madre”. Canti, commenti e racconti di un’anima in cerca di salvezza. Dalla Divina Commedia di Dante Alighieri. Di e con Lucilla Giagnoni. Collaborazione ai testi Marta Pastorino. Musiche originali Paolo Pizzimenti. Scene e luci Lucio Diana e Massimo Violato. Produzione Fondazione TPE. Premio Persefone 2007 alla drammaturgia.
Sei canti della Divina Commedia, probabilmente i più noti. Sei tappe di un pellegrinaggio «nel mezzo del cammin di nostra vita»: Il viaggio (Il primo canto dell’Inferno), La Donna (Francesca, il V), l’Uomo (Ulisse, il XXVI), il Padre (Ugolino, il XXXIII), la Bambina (Piccarda, il III del Paradiso), la Madre (Vergine madre, il XXXIII del Paradiso). È la Commedia Umana di Dante, una strada che si rivela costeggiata da figure “parentali”. Quello che si compone, guarda caso, è il disegno di una famiglia. I canti non vengono spiegati, per quanto, ad essere sinceri, in gran parte siano incomprensibili all’ascolto. Ma sono anche parole incantatorie, quelle della Divina Commedia, parole taumaturgiche, rituali. Eternamente ripetute come le preghiere. Dalla lettura dei canti scaturiscono storie. Il lato oscuro di Ulisse, l’aspetto meraviglioso e terribile del padre, la santità dei bambini, la lussuria di tutte le donne, la grandezza della madre. Un percorso ricco, sorprendente e, soprattutto, confortante. Come la preghiera. La poesia e l’arte sono una tregua per gli affanni degli uomini. A cantare e raccontare storie è una donna. Perché più spesso sono le donne a pronunciare, senza mediazioni, il desiderio di pace. E perché sicuramente l’anima ha una voce femminile.

Biglietto posto unico a 10€. Informazioni: 331 4019616, dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle 12 e dalle 15 alle 17.

Vendita diretta dei biglietti:

Venerdì: dalle ore 17 alle 19 presso la biglietteria del Teatro S. Francesco, via S. Francesco 15, Alessandria.

Sabato:  dalle ore 10 alle 12 presso la biglietteria del Teatro S. Francesco, via S. Francesco 15, Alessandria.

Biglietteria del Teatro Comunale (Viale della Repubblica) aperta il giorno stesso degli spettacoli, a partire dalle ore 18. www.teatrostregatti.it

 

Print Friendly, PDF & Email