Organizzazione Giovanile Casale: 0 burocrazia 100 voglia di fare

0
648

Coinvolgere attivamente i giovani nella macchina amministrativa senza burocrazia.

È questo l’obiettivo dell’Organzzazione Giovanile Casalese (Ogc), la nuova idea dell’assessore Federico Riboldi per rendere i ragazzi e le ragazze protagonisti nella vita della città.

«Il tutto è nato nel novembre scorso – ha spiegato l’assessore Riboldi – quando nel mio ufficio ho convocato i rappresentanti degli studenti degli istituti superiori casalesi. Abbiamo capito subito che per collaborare fattivamente il primo ostacolo da superare era la burocrazia. È nato così lo slogan 0 burocrazia 100 voglia di fare».

Per fare questo l’assessore ha deciso di non formalizzare in alcun modo l’Ogc, affinché la collaborazione possa essere snella e dare già da subito i suoi frutti: «La burocrazia può bloccare sul nascere anche il miglior progetto – ha sottolineato Federico Riboldi -, mentre la mia volontà è quella della massima partecipazione, dove ognuno possa portare il proprio apporto».

Gli studenti, quindi, entreranno a pieno titolo nel processo decisionale dell’Assessorato alla Gioventù, affinché siano loro stessi a collaborare concretamente alle attività e ai progetti del Comune.

«Chi meglio degli studenti può svolgere questo importante ruolo? Proprio ieri pomeriggio, mercoledì, ci siamo nuovamente trovati nel mio ufficio per iniziare a lavorare sui progetti dell’anno: sono sicuro che il loro apporto sarà assolutamente positivo», ha concluso l’assessore Federico Riboldi.

Fanno parte dell’Ogc Federica Piraino, Claudia Balmamori, Beatrice Piccolo, Giacomo Patrucco, Alice Vicari, Luca Giorcelli e Sara Tirraf per l’Istituto Balbo, Arber Bicaku, Andrea Guttero, Serena Refosco e Salvatore Savino per l’Istituto Leardi, Gianmarco Ferrittu, Lorenzo Gaia, Simone Michelerio e Giada Accatino per l’Istituto Sobrero.

Print Friendly, PDF & Email