Novi per i terremotati

0
601

Si è avuto il primo contatto ufficiale tra la nostra città e Novi di Modena. Il Sindaco;Lorenzo Robbiano; ha raggiunto telefonicamente Luisa Turci; Sindaco del Comune modenese; esprimendo innanzitutto la solidarietà di tutta la cittadinanza per l’evento sismico che ha colpito duramente la popolazione emiliana. Il Primo Cittadino novese; inoltre; ha informato la sua collega della sottoscrizione “Novi per Novi”; promossa dalComune di Novi Ligure per raccogliere fondi a favore di Novi di Modena.Il Sindaco Turci si è detta contenta dell’iniziativa e della testimonianza di solidarietà; cose che aiutano ad andare avanti nei momenti difficili; ed ha aggiunto che; superata l’emergenza; riceverà molto volentieri una delegazione di Novi Ligure.

Intanto la sottoscrizione continua. Due gli appuntamenti settimanali che si ripeteranno fino alla fine di Luglio: ogni giovedì mattina in piazza XX Settembre; dalle ore 9 alle 12; è disponibile un gazebo organizzato dalle Associazioni d’Arma e dalla Protezione Civile; un altro gazebo; sempre curato dalle Associazioni d’Arma cittadine; è allestito ogni sabato in via Girardengo dalle ore 10 alle 12 e dalle 16 alle 19. Le manifestazioni estive; tra cui i Venerdì di Luglio e la Festa per la Madonna della Neve; rappresenteranno ulteriori occasioni per partecipare alla raccolta.

Chi è interessato ad aderire all’iniziativa può contattare l’Ufficio Affari Sociali del Comune (tel. 0143 772253 – 772278) o lo Sportello del Cittadino (tel.0143 772277; numero verde 800 702811).

Tutto il denaro raccolto sarà versato sul conto corrente della Cassa di Risparmio di Alessandria; sul quale è possibile effettuare direttamente un versamento utilizzando il codice Iban IT52 I 03204 48421 000000025922 e specificando come causale “Novi per Novi”.

In questi giorni; inoltre; diversi dipendenti comunali hanno dato la loro disponibilità a prestare servizio nelle zone colpite dal sisma. Si tratta di una quindicina di unità; tra personale tecnico e vigili urbani; che saranno impiegati sul territorio interessato attraverso i canali ufficiali della Protezione Civile.

Print Friendly, PDF & Email