14.7 C
Alessandria
martedì, Ottobre 19, 2021

Lettera aperta di Laura Pontini, presidente dell’Associazione Lamento Rumeno Onlus

Riceviamo e pubblichiamo la seguete lettera inviataci da Laura Pontini, presidente di Lamento Rumeno Onlus.

Vorrei condividere queste brevi considerazioni con Voi, non come la

Vorrei condividere queste brevi considerazioni con Voi, non come la presidente di Lamento Rumeno Onlus, bensì come Laura Pontini, onde evitare di coinvolgere volontari e collaboratori in quella che e’ e resta, una semplice opinione personale.

L’attuale situazione delineatasi in Romania, indubbiamente e’ alquanto preoccupante; la rabbia iniziale ha lasciato spazio ad un senso di impotenza e disperazione dopo la decisione del 25 settembre, che ha segnato l’inizio dell’olocausto, unitamente a tanta paura per cio’ a cui si andra’ ad assistere.
Degna di nota questa ulteriore mossa , piu’ che subdola, del governo rumeno di lasciarci a nutrire una falsa speranza per 15 giorni durante i quali, fiumi di email, petizioni, manifestazioni e proteste avranno divertito non poco i signori parlamentari che, fin dall’inizio, probabilmente avevano gia’ deciso.

A chi mi chiede cosa si puo’ fare purtroppo dico che non ho risposta.
Chi ha il potere e l’autorita’ per poter intervenire, forse non ha la volonta’ di farlo.
Chi attualmente pensa di poter mediare un accordo con le autorita’ rumene probabilmente vive nell’utopia dell’efficacia di una trattativa diplomatica; purtroppo a volte la necessita’ di apparire prende il sopravvento e allora si scredita il lavoro altrui, tra un comunicato stampa e l’altro, tramite il mitico facebook c’e’ chi trova cibo per nutrire il proprio ego.

O qui interviene la Comunita’ Europea con un monito nei confronti della Romania o la mattanza sara’ perpetua fino a che non ci saranno piu’ randagi da sterminare.
Non mi si venga a raccontare l’intenzione da parte delle autorita’ di costruire strutture o la necessita’ di reperire fondi per il mantenimento dei randagi gia’ reclusi in quelle esistenti; chi conosce la realta’ di questi posti, necessita di un solo neurone per desiderare fermamente l’eutanasia immediata dei cani ancor prima di entrare: la permanenza di 14 giorni sarebbe solo un’ulteriore agonia.

Il randagismo esiste perche’ c’e’ chi ha tutto l’interesse di mantenerlo vivo (Italia inclusa)
Ripetero’ all’infinito che l’unica soluzione e’ rappresentata dalle sterilizzazioni e se solo questi criminali corrotti avessero il buon senso di accettare un protocollo comune tra le associazioni animaliste operative su territorio, la cosa potrebbe risolversi in breve e agevolmente.

Basta continuare a giustificarsi cercando pieta’ perche’ la Romania e’ stata vittima del regime, perche’ vive in poverta’, perche’ le condizioni di vita sono di precaria miseria.
Fatevi un giro per Bucarest ed assisterete al miracolo: soggetti con 300 euro di stipendio al mese che sfrecciano a bordo di BMW e AUDI.
Cio’ non toglie che di miseria ce ne sia davvero ma questo non giustifica la violenza gratuita ed inaudita di massacrare esseri viventi
Questo e’ sinonimo di mostruosita’ eticamente inaccettabili che nel 2013 non devono essere tollerati.

Repressione totale: il falso perbenismo, il moralismo sterile di piccole menti che parlano di razzismo, rappresentano terreno fertile per questi carnefici.

Chi mi conosce sa che essendo caratterialmente molto riservata, non amo apparire ne’ coronarmi di meriti e riconoscimenti che sarebbero del tutto inutili alla mia missione. Chi altrettanto conosce Lamento Rumeno Onlus sa che, pur essendo una piccola realta’, dal 2001 ad oggi di risultati ne sono stati raggiunti tanti e che, compatibilmente alle nostre risorse economiche, difficilmente ci tiriamo indietro davanti alle richieste di aiuto che ci giungono per emergenze qui in Italia. Non riceviamo contributi, ne’ fondi pubblici; tutto quanto da noi fatto e’ stato solo ed esclusivamente dovuto alle donazioni dei nostri sostenitori.
Nel 2012 abbiamo speso 45.000 euro per pensioni, cibo, cure veterinarie, interventi chirurgici a sostegno di cani in difficolta’ nel nostro paese. Il randagismo al sud come la situazione di certi canili (lager) non e’ grave; e’ devastante.
Ho deciso di non attuare il trasferimento compulsivo di cani dalla Romania in Italia perche’, in coscienza, non posso aggravare quella che e’ la realta’ attuale, gia’ precaria e vergognosa, del nostro paese.
Le adozioni vanno condotte in collaborazione con Paesi ricettivi dove le condizioni di vita dei randagi esportati dalla Romania puo’ essere meritevole, a totale beneficio dei cani stessi. I collaboratori di Bucarest lo stanno gia’ facendo con l’Olanda.

Qui in Italia assisto quotidianamente a casi allarmanti come la perdita di cani smarriti durante interminabili staffette; a viaggi di creature per centinaia di km senza vaccinazioni, non sterilizzati, senza microchip che dopo breve tempo tornano al mittente; preaffidi telefonici fatti da volontari senza alcuna esperienza che autorizzano adozioni senza alcun controllo, ignorando completamente i nominativi indicati in black list.
La vittima che diventa carnefice priva di ogni consapevolezza e’ responsabile della sofferenza di queste creature. A tutto questo dico: no, grazie.

Detto cio’, lascio agli altri il prestigioso ruolo di dedicarsi alle mediazioni diplomatiche, cosa che caratterialmente non mi appartiene.
Continuo invece il mio lavoro di manovalanza, cercando di raccogliere cibo, farmaci e coperte, fondi per le sterilizzazioni. Chi vorra’ affiancarmi in questo avra’ tutta la mia gratitudine nel condividere insieme il medesimo obiettivo.

, bensì come Laura Pontini, onde evitare di coinvolgere volontari e collaboratori in quella che e’ e resta, una semplice opinione personale.

L’attuale situazione delineatasi in Romania, indubbiamente e’ alquanto preoccupante; la rabbia iniziale ha lasciato spazio ad un senso di impotenza e disperazione dopo la decisione del 25 settembre, che ha segnato l’inizio dell’olocausto, unitamente a tanta paura per cio’ a cui si andra’ ad assistere.
Degna di nota questa ulteriore mossa , piu’ che subdola, del governo rumeno di lasciarci a nutrire una falsa speranza per 15 giorni durante i quali, fiumi di email, petizioni, manifestazioni e proteste avranno divertito non poco i signori parlamentari che, fin dall’inizio, probabilmente avevano gia’ deciso.

A chi mi chiede cosa si puo’ fare purtroppo dico che non ho risposta.
Chi ha il potere e l’autorita’ per poter intervenire, forse non ha la volonta’ di farlo.
Chi attualmente pensa di poter mediare un accordo con le autorita’ rumene probabilmente vive nell’utopia dell’efficacia di una trattativa diplomatica; purtroppo a volte la necessita’ di apparire prende il sopravvento e allora si scredita il lavoro altrui, tra un comunicato stampa e l’altro, tramite il mitico facebook c’e’ chi trova cibo per nutrire il proprio ego.

O qui interviene la Comunita’ Europea con un monito nei confronti della Romania o la mattanza sara’ perpetua fino a che non ci saranno piu’ randagi da sterminare.
Non mi si venga a raccontare l’intenzione da parte delle autorita’ di costruire strutture o la necessita’ di reperire fondi per il mantenimento dei randagi gia’ reclusi in quelle esistenti; chi conosce la realta’ di questi posti, necessita di un solo neurone per desiderare fermamente l’eutanasia immediata dei cani ancor prima di entrare: la permanenza di 14 giorni sarebbe solo un’ulteriore agonia.

Il randagismo esiste perche’ c’e’ chi ha tutto l’interesse di mantenerlo vivo (Italia inclusa)
Ripetero’ all’infinito che l’unica soluzione e’ rappresentata dalle sterilizzazioni e se solo questi criminali corrotti avessero il buon senso di accettare un protocollo comune tra le associazioni animaliste operative su territorio, la cosa potrebbe risolversi in breve e agevolmente.

Basta continuare a giustificarsi cercando pieta’ perche’ la Romania e’ stata vittima del regime, perche’ vive in poverta’, perche’ le condizioni di vita sono di precaria miseria.
Fatevi un giro per Bucarest ed assisterete al miracolo: soggetti con 300 euro di stipendio al mese che sfrecciano a bordo di BMW e AUDI.
Cio’ non toglie che di miseria ce ne sia davvero ma questo non giustifica la violenza gratuita ed inaudita di massacrare esseri viventi
Questo e’ sinonimo di mostruosita’ eticamente inaccettabili che nel 2013 non devono essere tollerati.

Repressione totale: il falso perbenismo, il moralismo sterile di piccole menti che parlano di razzismo, rappresentano terreno fertile per questi carnefici.

Chi mi conosce sa che essendo caratterialmente molto riservata, non amo apparire ne’ coronarmi di meriti e riconoscimenti che sarebbero del tutto inutili alla mia missione. Chi altrettanto conosce Lamento Rumeno Onlus sa che, pur essendo una piccola realta’, dal 2001 ad oggi di risultati ne sono stati raggiunti tanti e che, compatibilmente alle nostre risorse economiche, difficilmente ci tiriamo indietro davanti alle richieste di aiuto che ci giungono per emergenze qui in Italia. Non riceviamo contributi, ne’ fondi pubblici; tutto quanto da noi fatto e’ stato solo ed esclusivamente dovuto alle donazioni dei nostri sostenitori.
Nel 2012 abbiamo speso 45.000 euro per pensioni, cibo, cure veterinarie, interventi chirurgici a sostegno di cani in difficolta’ nel nostro paese. Il randagismo al sud come la situazione di certi canili (lager) non e’ grave; e’ devastante.
Ho deciso di non attuare il trasferimento compulsivo di cani dalla Romania in Italia perche’, in coscienza, non posso aggravare quella che e’ la realta’ attuale, gia’ precaria e vergognosa, del nostro paese.
Le adozioni vanno condotte in collaborazione con Paesi ricettivi dove le condizioni di vita dei randagi esportati dalla Romania puo’ essere meritevole, a totale beneficio dei cani stessi. I collaboratori di Bucarest lo stanno gia’ facendo con l’Olanda.

Qui in Italia assisto quotidianamente a casi allarmanti come la perdita di cani smarriti durante interminabili staffette; a viaggi di creature per centinaia di km senza vaccinazioni, non sterilizzati, senza microchip che dopo breve tempo tornano al mittente; preaffidi telefonici fatti da volontari senza alcuna esperienza che autorizzano adozioni senza alcun controllo, ignorando completamente i nominativi indicati in black list.
La vittima che diventa carnefice priva di ogni consapevolezza e’ responsabile della sofferenza di queste creature. A tutto questo dico: no, grazie.

Detto cio’, lascio agli altri il prestigioso ruolo di dedicarsi alle mediazioni diplomatiche, cosa che caratterialmente non mi appartiene.
Continuo invece il mio lavoro di manovalanza, cercando di raccogliere cibo, farmaci e coperte, fondi per le sterilizzazioni. Chi vorra’ affiancarmi in questo avra’ tutta la mia gratitudine nel condividere insieme il medesimo obiettivo.

1 COMMENTO

0 0 voti
Valutazione articolo
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Una ragazza rumena
Una ragazza rumena
8 anni fa

Ma voi vi rendete conto di quello che state dicendo ? Pensate che noi siamo fieri di tutto cio’ che sta accadendo nel nostro paese?Abbiamo sofferto tantissimo negli ultimi anni per tutte le decisioni che gli hanno preso GLI ALTRI per noi. Amiamo gli animali come voi,non siamo senza cuore come tutti voi lo pensate.E non venite adesso a dire a noi che questo articolo era solo per aiutarci nel “problema” dei cani abbandonati.Avete tirato fuori l’argomento solo per cattiveria e odio verso i rumeni;e questo lo dimostra la seguente frase( e non solo) : “Basta continuare a giustificarsi cercando pieta’ perche’ la Romania e’ stata vittima del regime, perche’ vive in poverta’, perche’ le condizioni di vita sono di precaria miseria.Fatevi un giro per Bucarest ed assisterete al miracolo: soggetti con 300 euro di stipendio al mese che sfrecciano a bordo di BMW e AUDI.”Ma come fate a dire queste stupidaggini?Avete pensato che magari’ quelli che si permettono una vita decente si spaccano la schiena per lavorare 12 ORE al giorno nel vostro paese??? Vabbe…tanto non potete sapere cosa vuol dire fare i sacrifici.
Perche’ volete sempre rinfacciare a noi ,gli stranieri e rumeni in particolare,tutte le cose negative che succedono nel nostro paese ? Prima di giudicare,mettetevi nei nostri panni che non avete nessuna idea di cosa state parlando !!!! Avete mai detto una cosa bella su di noi ? Si e’ mai sentita parlandosi bene dei rumeni in telegiornale ? Proviamo compassione come tutti voi perche siamo UMANI ecco a voi la dimostrazione casomai che non lo avete capito finora: http://www.larena.it/stories/Home/557833_camionista_rumeno_salva_bimba_sulla_a4ho_fatto_ci_che_mi_veniva_naturale/ Quindi,per concludere,invece di criticarci,potete aiutarci in questo problema,darci una mano per fare qualcosa,per salvare questi piccoli animaletti che non sono colpevoli che vivono in un paese con il sistema del tutto sbagliato.Spero di non aver offeso nessuno con la mia lettera,ho detto solo la verita’.

- Advertisement -

Popolari

Social

4,523FansMi piace
3,520FollowerSegui
2,512FollowerSegui
Zapping sfoglia PDF online
Zapping Casa sfoglia PDF online
Zapping da Leggere sfoglia PDF online

Ultimi articoli

1
0
Vorremmo sapere cosa ne pensi, scrivi un commento.x
()
x