9.4 C
Alessandria
domenica, Ottobre 17, 2021

Il sindaco di Casale sui profughi in città: «Non sono un costo per il Comune e la città, anzi»

«Chiunque di noi si trovasse nella loro situazione, vorrebbe ricevere l’accoglienza che questa città, come da sua storia e tradizione, sta offrendo in questi mesi. Un’accoglienza che non ha costi per il Comune, anzi».

Queste le parole del sindaco Titti Palazzetti a commento dell’incontro che si è tenuto lo scorso mercoledì, 15 ottobre, nella Sala consiliare di Casale Monferrato per parlare dei profughi ospitati sul territorio.

Oltre al sindaco Palazzetti, erano presenti i sindaci di Gabiano e Murisengo, la responsabile del Servizio Socio – Assistenziale, i referenti delle associazioni cittadine che si occupano di assistere i profughi, dell’Arma dei Carabinieri, del Centro per l’Impiego, dell’Ufficio Lavoro del Comune e del Cpia, il Centro Provinciale per l’Istruzione degli Adulti.

«Si è fatto il punto della situazione – ha spiegato il sindaco Titti Palazzettianalizzando nel dettaglio l’importante e fondamentale lavoro che il mondo del volontariato casalese sta mettendo in campo per garantire un soggiorno dignitoso a queste persone in fuga da guerre o situazioni che compromettono la loro vita».

Attualmente a Casale Monferrato sono presenti 47 profughi di origine africana e, tramite una convenzione tra la Prefettura e la cooperativa Senape, sono ospitati in case di privati, i quali percepiscono regolare affitto.

«Il Comune di Casale Monferrato – ha sottolineato il sindaco Palazzettinon sostiene quindi alcun costo, né diretto né indiretto. Dopo la dovuta comunicazione all’allora sindaco Giorgio Demezzi, infatti, la Prefettura nel mese di marzo ha stipulato un accordo con la cooperativa Senape, la quale, con fondi europei stanziati tramite il Ministero dell’Interno, si occupa delle spese di vitto e alloggio. Oltre tutto il Comune non ha a disposizione spazi per poterli ospitare: le caserme, per esempio, sono tutte inutilizzabili, sia la nostra ex Mameli sia la Bixio e le Casermette, che per altro sono del Demanio».

I profughi, inoltre, sono in attesa di veder riconosciuto l’eventuale status di rifugiato, che permetterà loro di ricevere i documenti necessari per poter iniziare a lavorare o a lasciare la città: «Fino ad allora – ha spiegato Titti Palazzettinon possono, per legge, svolgere alcuna attività lavorativa. Questo, però, non impedisce loro di essere impiegati nel volontariato, quindi senza retribuzione, o a seguire un interessante percorso con il Cpia di Casale Monferrato, per imparare la lingua italiana».

Per concludere il sindaco Titti Palazzetti ha voluto fare il punto della situazione: «I 47 profughi presenti in città non gravano un solo centesimo sulle casse comunali, non tolgono lavoro perché non possono essere occupati, non vivono in alcun immobile pubblico, ma stanno portando soldi in città per gli affitti, il vitto e l’abbigliamento. Come Amministrazione comunale, in accordo con i Sindaci dei paesi del Monferrato interessati alla stessa operazione di accoglienza, ci adopereremo a fianco del volontariato per far fronte alle esigenze del momento».

0 0 voti
Valutazione articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
- Advertisement -

Popolari

Social

4,523FansMi piace
3,520FollowerSegui
2,512FollowerSegui
Zapping sfoglia PDF online
Zapping Casa sfoglia PDF online
Zapping da Leggere sfoglia PDF online

Ultimi articoli

0
Vorremmo sapere cosa ne pensi, scrivi un commento.x
()
x