“Il Monferrato: innovazione per il Territorio” a Monastero Bormida

0
1251

Riceviamo e pubblichiamo un invito dell’Associazione culturale Museo del Monastero.

Il 2 e 3 agosto Monastero Bormida (AT) ospiterà, nei locali del Castello, due interessanti incontri pubblici sul tema “Il Monferrato: Innovazione per il Territorio”, organizzati nell’ambito della Mostra “Il Monferrato. 500 anni di arte. Grandi artisti in un piccolo stato”.

Gli incontri sono ispirati al percorso della mostra e all’esposizione di venti carte geografiche storiche, concesse dal proprietario Giuseppe Beisone, recentemente oggetto d’indagine di geografi che hanno messo in relazione la cartografia antica con la rivoluzione digitale del presente.

Al tema “Le mappe del Monferrato: tra cartografia storica e rivoluzione digitale”, saranno appunto dedicati i lavori della prima giornata sabato 2 agosto, con l’intervento del prof. Franco Farinelli, direttore del Dipartimento di Filosofia e Comunicazione dell’Università di Bologna e curatore dell’allestimento, che illustrerà i risultati di tale indagine. Le mappe storiche del Monferrato esposte sono fruibili digitalmente su Wikimedia Commons, mentre alcune mappe della collezione saranno proiettate in sala per evidenziare le notizie e l’importanza storica e geografica del Monferrato, al tempo della realizzazione della carta, che ognuna ci tramanda.

Il prof. Franco Vico, AMFM GIS Italia, tratterà le differenze fondamentali tra l’uso della mappa cartacea e la mappa digitale, con le sue molteplici visualizzazioni possibili.

Simone Cortesi, vice presidente di Wikimedia Italia, descriverà come queste operazioni possano essere effettuate utilizzando software concepiti per la produzione cartografica da parte di persone senza specifiche competenze in questa disciplina. L’argomento, sarà trattato dal punto di vista teorico e pratico, anche attraverso esperienze legate all’iniziativa Wiki Loves Monuments.

I partecipanti saranno invitati a scattare foto che verranno aggiunte sia alle mappe che alle pagine Wikipedia relative ai monumenti e ai luoghi di interesse del Monferrato.

Sergio Farruggia, Stati Generali dell’Innovazioneesporrà le motivazioni e i retroscena dell’attività di georeferenziazione e arricchimento dei contenuti delle carte storiche digitalizzate, a cui ha contribuito, oltre ai relatori, la storica Blythe Alice Raviola: «L’innovazione – spiega – ci mette a disposizione gli strumenti per portare alla luce un patrimonio di cultura, saperi, talenti, creatività. Sta a noi premere il pulsante e operare per trasformare questo “giacimento” in un “carburante” per il territorio, per creare cioè benessere in Monferrato e buone pratiche per chi visiterà in Rete e dal vivo questo territorio».

Non cerchiamo più dove siamo… “comunichiamo” alla mappa dove ci troviamo! Di come sia mutato il nostro rapporto con le mappe parleranno anche Andrea Borruso, hacker –ma non solo- illustrando il progetto “Confiscati bene”, iniziativa di partecipazione attiva di cui è promotore e animatore; mentre Carlo Infante, Urban Experience, interverrà sul tema “Mappe Emozionali, per scrivere storie nelle geografie” per sollecitare i ragazzi nell’attività di social media team (vedi, Casale 2010) e combinare nel pomeriggio radio-walkshow.

Nel pomeriggio sono previsti momenti collettivi, momenti individuali ed esperienze all’aperto.

Domenica 3 agosto la giornata sarà all’insegna del confronto tra esperti ed attori del territorio. Il tema “Un’idea di Monferrato. Cultura e tradizioni, risorse e competenze, creatività e innovazione” stimolerà momenti informativi plenari e occasioni di discussione per porre in relazione i bisogni espressi per la crescita del Monferrato – in riferimento al patrimonio culturale e alle tradizioni, alle risorse e alle competenze (agricoltura, industria, servizi, artigianato, ecc.) attive nell’area – con gli stimoli e le opportunità che l’innovazione, in particolare le tecnologie della geo-informatica, può offrire, seguendo i concetti alla base della visione di Stati Generali dell’Innovazione: sostenibilitàtrasparenzacentralità territoriale.

I partecipanti, durante le sessioni parallele pomeridiane, avranno la possibilità di arricchire con informazioni, idee e proposte la bozza di un primo documento che diventerà traccia per il dibattito sui temi dell’incontro. Al termine della giornata, i risultati delle discussioni saranno condivisi e commentati nel loro insieme.

L’incontro si svilupperà nell’arco dell’intera giornata; è previsto un ampio intervallo dedicato alla colazione e alla visita della Mostra d’arte, come occasione di ulteriore conoscenza e affiatamento tra i partecipanti.

La partecipazione ai due incontri è gratuita e aperta a tutti, non è richiesta nessuna specifica esperienza pregressa. Per motivi organizzativi è richiesta l’iscrizione, effettuabile utilizzando i riferimenti in calce o dai direttamente dai siti Web, ove è consultabile il programma dettagliato.

Print Friendly, PDF & Email