La Cascina Pederbona diventa ‘didattica’

1
2746

Oggi pomeriggio alle ore 18.00 ‘La Pederbona’, azienda agricola di proprietà della nota famiglia Capra, legata nel recente passato anche all’Alessandria calcio, presenta ufficialmente la sua attività di Fattoria Didattica e di produzione e vendita diretta di Yogurt e Gelato. Sono trascorsi 45 anni dall’avvio dell’attività di allevamento, 42 dall’arrivo del toro Romeo dagli Stati Uniti e ‘La Pederbona’ è sempre all’avanguardia. Di recente l’azienda è stata inserita nell’elenco delle Fattorie Didattiche della Regione Piemonte, un circuito di aziende agricole che svolgono attività di formazione per gli interessati alla conoscenza del mondo rurale, in particolare scolaresche e gruppi organizzati. Al termine di un anno scolastico che ha regalato splendide occasioni di incontro con gli studenti della provincia di Alessandria e non solo, ‘La Pederbona’ presenta il suo “modello” di fattoria didattica, che nell’estate sarà aperto anche ai centri estivi. In mezza giornata o in una giornata intera è possibile conoscere l’ambiente in cui vivono le vacche da latte, le caratteristiche del latte di alta qualità e poi seguire il laboratorio di trasformazione in gelato o yogurt.  Il gelato, prodotto con il latte fresco di giornata, insieme a gusti tradizionali quali fior di latte, crema, nocciola e pera, offre gusti floreali in primavera, i sapori dell’orto d’estate, gusti autentici come polenta e castagna in autunno e inverno. “Assaggia la novità” è la nuova iniziativa del venerdì pomeriggio che introduce, in modo divertente e mirato, nuovi gusti consigliati dai consumatori: caprifoglio, rosmarino, erba Luisa, riso, farro e tanti altri.

La Pederbona si trova a Spinetta Marengo, via Genova 2, sulla Statale, di fronte alla Paglieri. 

www.lapederbona.it

Print Friendly, PDF & Email

1 COMMENTO

  1. Complimenti per l’articolo e complimenti alla Pederbona: un’altra prova di quanto sia importante il sapersi “rinnovare” nel settore agricolo. Tra l’altro è essenziale che i giovani (e non solo quelli) conoscano di più l’agricoltura e le sue produzioni. Bravo Raimondo, ho sempre un buon ricordo della sua collaborazione. L. Fornara