Consiglio Comunale attento all’ambiente

0
1120

Ieri pomeriggio presso la sala consiliare del Comune di Alessandria, si è svolto il tredicesimo Consiglio Comunale iniziato alle ore 15:05, durato due ore e mezza.

Il Consiglio si è aperto con la comunicazione  dell’assessore Giorgio Abonante  per quanto riguarda il prelievo dal  fondo rischi per contenzioso personale comunale.

Si è proseguito con le interpellanze.

La prima di una lunga serie è stata presentata da Maurizio Sciaudone  (Forza Italia), chiedendo chiarimenti per quanto riguarda i paletti dissuasori di sosta posti nel centro città che, secondo le dichiarazioni di Sciaudone comprometterebbero la sicurezza stradale. La risposta a questa interpellanza è stata dell’assessore (Sviluppo territoriale e strategico), Marcello Ferralasco . L’assessore ha dichiarato che i paletti, 765 in ghisa e i più recenti 116 in acciaio, sono di arredo urbano e non compromettono la sicurezza stradale, e ha proseguito dicendo che gli uffici competenti decisero anni orsono di evidenziare con nastro riflettente il primo paletto e alcuni lungo lo sviluppo.

La seconda interpellanza è stata a carico di Giovanni Barosini  (U.D.C), chiedendo quali siano le prospettive future per quanto riguarda il mercato ambulante di Piazza Garibaldi. Barosini dichiara che il mercato è un punto di riferimento per i cittadini alessandrini e per questo non deve subire alcun spostamento.                                                                                                                                                                                                                                                                             La risposta a questa interpellanza è stata a carico dell’assessore allo Sviluppo economico, Maria Enrica Barrera . L’assessore ha enunciato che il sindaco non ha l’intenzione di spostare il mercato, ma di porlo nella zona viabile, come ad esempio “Viale della Repubblica”, rendendo cosi’ accessibile il parcheggio della piazza tutti i giorni della settimana.

 

Andrea Camalleri  (M5S) ha presentato la terza interpellanza riguardante la presenza di amianto nel territorio comunale; Camalleri ribadisce che il monitoraggio è affidato all’Arpa (Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente) e ha sottolineato che entro il 2025 l’amianto dovrebbe essere bonificato sul territorio comunale, soprattutto per edifici pubblici e scuole. Camalleri ha presentato questa interpellanza anche per sapere se il Comune ha effettuato una campagna di comunicazione e sensibilizzazione per i cittadini e a che punto sono i lavori di bonifica sul territorio. A queste domande ha risposto Claudio Lombardi, assessore all’Ambiente; per quanto riguarda la prima domanda, Lombardi ha dichiarato che nel 2009 si effettuò una campagna di sensibilizzazione per i cittadini. Per il secondo quesito, l’assessore ha evidenziato che l’anno scorso si è provveduto a bonificare il tetto della palestra dell’Istituto superiore “Nervi”, e dell’asilo “Mary Poppins”. Vi è però una situazione critica attuale presso la scuola media “Straneo”.

L’ultima interpellanza è stata presentata ancora una volta da Giovanni Barosini, chiedendo chiarimenti sulla gestione e le spese del parcheggio di via Parma. Giorgio Abonante  ha risposto a Barosini dichiarando molto brevemente che le spese del parcheggio ammontano a trecentomila euro.

Nell’ultima ora rimanente si sono affrontate le mozioni.

Domenico Di Filippo(M5S) ha affrontato la prima mozione che riguardava il recupero di terreni agricoli abbandonati; Di Filippo ha chiesto se vi sono dei terreni su cui potere fare affidamento e dopo alcuni fraintendimenti con la giunta comunale propone di portare la mozione in commissione.

L’ultima mozione affrontata, è stata a carico di Maurizio Sciaudone  per quanto riguarda i miglioramenti viabili della zona di Cabanette. Sciaudone, propone che i proventi delle multe siano destinati alla costruzione di nuovi marciapiedi e piste ciclabili, dalla zona della scuola di polizia fino al semaforo di Cabanette. Il consigliere ha riportato la pericolosità per i pedoni in quella zona, poiché non esistono strisce pedonali alle altezze delle fermate dei bus. Sciaudone chiede inoltre la formazione di dossi per rallentare la velocità delle macchine in entrata e uscita dalla città, il tutto volto ad assicurare l’incolumità dei cittadini.
Giorgio Abonante  ha accolto la mozione proponendo un emendamento; dopo aver sospeso il consiglio per dieci minuti, la proposta di emendamento è stata approvata e così la mozione stessa.

 

Leonardo Saggiorato

(stagista)

Print Friendly, PDF & Email