A teatro per aiutare gli alluvionati

0
813

A seguito dell’ultimo alluvione che ha colpito l’alessandrino e soprattutto le zone del novese, Gruppo Anteprima e Antonio Ornano hanno deciso di devolvere parte del ricavato dello spettacolo CROSTATINA STAND UP, che si terrà al Teatro Alessandrino Giovedì 30 ottobre alle ore 21, all’Associazione Nazionale Carabinieri, sezione di Novi Ligure, che in accordo col Comune di Novi Ligure si sta occupando di reperire fondi per i privati e le strutture particolarmente danneggiati dall’alluvione dei giorni scorsi.
Crostatina Stand Up porta sulla scena, direttamente da Zelig, il cabarettista Ornano, monologhista accattivante nelle vesti del professore biologo e naturalista, il cui principale oggetto di studio è l’animale uomo e le sue dinamiche comportamentali, con particolare attenzione a quelle interne al rapporto di coppia. Nascono così sketch esilaranti sulle dinamiche di coppia, dove la dolce “ crostatina” (alias la sua dolce metà) non perderà occasione di mettere a dura prova i nervi del Professore.
CROSTATINA STAND UP prova a fotografare le nostre umane debolezze. E’ l’occasione per scandagliare in profondità le complesse dinamiche relazionali all’interno della coppia, dove il ruolo dominante del maschio contemporaneo è sempre più messo in discussione da una femmina che, nel caso della “Crostatina” di Ornano, è assolutamente totalitaria e prevaricatrice.
Lo spettacolo è un frizzante e funambolico alternarsi di personaggi inseriti in un divertente monologo; prevede forti interazioni col pubblico e offre anche importanti risposte a domande esistenziali, del tipo: perché le persone in un ascensore si mettono a cerchio con la schiena appoggiata alle pareti? Perché le donne hanno la passione per i Mercatini di Natale? Quando e perché il gambaletto si sostituisce alla calza autoreggente di una moglie?
Famoso per personaggi come “Space Cacae”, alias Mimmo Cacace, “Franco Prunes”, “Ignazio”, il “Prof. Tommaselli” e molti altri, Antonio Ornano ci farà ridere, facendoci comprendere finalmente alcuni insondabili misteri…

Print Friendly, PDF & Email