Tre punti ‘pesanti’ per restare agganciati alle prime

0
603

Tre punti, quelli che servivano, l’unica cosa che contasse nella gara di ieri al ‘Mocca’ contro la Giana Erminio. Squadra seguita, va detto, da un manipolo di una ventina di tifosi, che molte altre avversarie mai hanno presentato da queste parti. I grigi non hanno certo fatto indigestione di Gorgonzola, solo un assaggio, tanto per continuare a sentire il gusto e il profumo dell’alta classifica, ma è quanto basta dopo una partita difficilissima. La squadra di D’Angelo doveva cancellare un pessimo inizio del girone di ritorno (1 punto in 3 gare), veniva da tre pareggi interni consecutivi, aveva segnato un solo gol nelle ultime tre di campionato, e ad aumentare il peso c’erano le vittorie di Novara e Pavia del giorno prima. In più, la Giana del simpaticissimo, e a mio avviso preparatissimo, Cesare Albè, detto il ‘Ferguson di Gorgonzola’, ha giocato ‘a specchio’ (5-3-2) mettendo in grande difficoltà l’Alessandria, penalizzata anche dal brutto terreno di gioco. Per cui essere usciti da questa intricatissima 23^ giornata aggrappati al gol pesante di Rantier (39′), unica emozione di una partita noiosa all’inverosimile, mantiene gli equilibri nelle alte sfere della classifica. Che dicono Pavia primo (46 punti), Bassano secondo (44), Novara terzo (43) e Alessandria quarta (41); qui si chiude la zona playoff, con una frattura di quattro punti prima del SudTirol (37), che è quinto. Grigi in corsa più che mai, dunque, per il salto in serie B. Anche se domenica prossima c’è un’altra sfida decisiva, a casa della capolista Pavia: sarà fondamentale non perdere, mentre Novara e Bassano potrebbero avere la strada spianata con Pro Patria e Albinoleffe.
E i tre nuovi arrivati? Hanno esordito tutti, Morero e Iunco dall’inizio, Germinale dal 70′ in poi. Sicuro il difensore, decisi e svelti i due attaccanti, anche se la forma e la conoscenza dei compagni possono migliorare. Ha salutato tutti, invece, Gigi Scotto, tornato a casa, alla Torres (definitivo), lui che è sassarese. Resta il nodo Guazzo, da due settimane fuori squadra ma non fuori rosa, a pesare su bilancio e spogliatoio: speriamo si risolva in giornata, e per questo si punta sulle grandi qualità del d.s. Magalini. Il mercato chiude alle 23.00 di oggi, vediamo che succede.

Print Friendly, PDF & Email