Pedrosa non d la mano a Sic

0
159

MUGELLO (Firenze); 30 giugno 2011 – Non si placano le polemiche fra Dani Pedrosa e Marco Simoncelli. Oggi al Mugello; nel corridoio che conduce alla sala stampa dell’autodromo; i due piloti Honda si sono incontrati e; mentre Simoncelli ha tentato di stringere la mano al suo avversario; altrettanto non ha fatto Pedrosa che; secondo quanto raccontato dallo stesso Simoncelli; ha fatto il gesto di ritirare le braccia; quasi a non voler avere alcun contatto. ALTRA POLEMICA— In sala stampa poi la gelida dichiarazione: “Il mio giudizio su Marco l’ho già dato e lo sottoscrivo. Correre come fa lui è inconcepibile” ha commentato Pedrosa. Un nuovo episodio che non aiuta ad azzerare le frizioni tra i due piloti dopo il contatto nel corso del GP di Francia quando il pilota spagnolo riportò la frattura della clavicola e si espresse duramente nei confronti del romagnolo indicandolo come una sorta di “mina vagante”. Il suo manager Alberto Puig chiedeva un provvedimento esemplare da parte della commissione. Le ruggini tra i due; pur a distanza di tempo; sono ancora presenti. “Probabilmente non si è accorto che dall’incidente è passato un mese e mezzo – ha prontamente replicato Simoncelli – ed è brutto confermare a sangue freddo quanto detto a caldo. Dal suo atteggiamento ho capito che con persone come lui ed il suo manager che dicono cose così stupide non vale proprio la pena di parlare”. ROSSI PRUDENTE— “Il Mugello è una mia pista; qui sono sempre andato forte; ma stavolta non faccio previsioni; dobbiamo lavorare a testa bassa senza fare proclami”. Valentino Rossi presenta così il suo GP d’Italia: “Questa moto è nuova e non sappiamo bene come andrà; quindi non voglio pensare a nulla. L’asfalto del Mugello è tutto nuovo; quindi sono certo che anche gli altri miglioreranno rispetto al passato. Noi dobbiamo lavorare per arrivare il prima possibile a un set up accettabile”. La suggestione di essere in Toscana in sella a una Ducati potrebbe creare delle false speranze per i tifosi di Rossi. “Fare un buon risultato qui mi piacerebbe; ma potrebbe essere un’arma a doppio taglio; perchè potremmo pensare di aver risolto i nostri problemi. Possiamo solo aspettare. Spero comunque che; con una temperatura più alta rispetto a quanto trovato in Inghilterra e in Olanda; le gomme lavorino meglio permettendoci di semplificare il lavoro di messa a punto”.

Print Friendly, PDF & Email