Moccagatta ore 12, nasce la nuova stagione dell’Alessandria Calcio

0
611

A mezzogiorno patron Luca di Masi suona la campana e parte ufficialmente la stagione dell’Alessandria Calcio: allo stadio, sala stampa, ci sarà la presentazione del nuovo d.s. Giuseppe Magalini e del confermato tecnico Luca D’Angelo con tutto il suo staff. Ovvero le fondamenta per costruire la squadra della Lega Pro Unica 2014-2015.

MAGALINI – 51 anni, inizia la carriera di d.s. alle giovanili del  ChievoVerona (fino al 2003-2004) poi approda al Mantova che, con Di Carlo in panchina, si beve di fila la C2, la C1 e quasi la B: ai playoff supera il Modena ma, sulla porta della serie A, perde la finale contro il Torino ai supplementari. Con i virgiliani finisce a giugno 2010, squadra retrocessa in C1. Nell’estate va al Portogruaro, neo-promosso in B, e porta con sè il tecnico Corini, alla prima esperienza in panchina. Il giorno della partenza per il ritiro, però, Corini si dimette e lascia il club, e con lui se ne va Magalini. Il 26 ottobre 2010 diventa d.s. della Cremonese, incarico lasciato il 6 aprile 2011. Poi la sua attività si ferma, coinvolto com’è, anche se marginalmente, in Scommessopoli, filone Cremona-bis. Secondo gli atti della Procura Federale presta l’auto a 4 giocatori del Mantova per incontrare, in un luogo appartato, altri giocatori dell’Ancona e combinare la partita imminente (Ancona-Mantova 2009-2010). La combine non si consuma, ma Magalini viene condannato a 3 anni e 3 mesi di sospensione (confermati in appello), poi ridotti dal TNAS a 1 anno e 3 mesi. Scontata la squalifica il 19 settembre 2013 diventa d.s. del Grosseto, appena retrocesso dalla B. A novembre il suo nome viene accostato alla Sampdoria, ma non se ne fa nulla e Magalini resta a Grosseto. Il 15 maggio l’annuncio ufficiale di LDM. Grande conoscitore di calcio, viene definito da molti colleghi “molto competente”.

D’ANGELO – 43 anni a luglio, ex difensore di Chieti, Sora, Castel di Sangro, Fermana, Alzano, Giulianova, Rimini, San Marino. Conta 100 presenze e 6 gol in B, 326 presenze e 15 gol fra C1 e C2, ha vinto 2 campionati di C1 (Fermana ’98-’99, Rimini ’04-’05) e 1 Supercoppa di  C1 (Rimini ’04-’05). Da allenatore ha guidato Rimini e Alessandria, per complessive 145 panchine (65-41-39), ottenendo una promozione dalla D alla Seconda Divisione (Rimini 2010-2011) e la salvezza-promozione di quest’anno. All’Alessandria è arrivato dopo 10 giornate al posto di Notaristefano, con la squadra 11° ed è arrivato 3°; su 24 partite ne ha vinte 13, pareggiate 4 e perse 7.

Print Friendly, PDF & Email