L’Alessandria di Scazzola insegue la terza vittoria contro la matricola Pianese, che non subisce gol da 317′

0
331
Una formazione stagionale della Pianese, esordiente in serie C, con la divisa da trasferta

L‘Alessandria, unica imbattuta del girone A oltre alla capolista Monza, insegue la terza vittoria consecutiva. La Pianese ha le ‘lenzuola pulite’ (traduzione letterale di ‘clean sheet’) da 317 minuti, contando i recuperi: l’ultimo gol subìto dalla squadra è l’autorete di Vavassori al 62′ a Vercelli, prima giornata. Il portiere bianconero Vitali è imbattuto in campionato, perché i 2 gol li ha presi il collega Fontana. Quindi l’Alessandria prova a demolire un altro primato, dopo quelli del Renate (con i grigi unica sconfitta, senza segnare) e dell’Olbia (per i sardi prima volta in stagione senza far gol).

PIANESE – Neopromossa dopo la vittoria nel girone E della serie D, è una società fondata nel 1930 con sede nel comune di Piancastagnaio (SI), che conta poco più di 4.000 abitanti. Ha trascorso quasi tutta la sua storia nei dilettanti della Toscana, esordendo in serie D nel 2010 e vincendola nel ’18-’19, ottenendo così la prima storica promozione in serie C. Con 19 nuovi innesti sul mercato ha rivoluzionato la squadra vincente della scorsa stagione, partendo con una rosa di 26 elementi, tutti italiani, e un’età media di 23,3 anni. L’allenatore è il 60enne Marco Masi, ex-libero di Torino e Genoa e allenatore dal ’92; in panchina il tecnico pisano frequentò le Giovanili, l’Eccellenza, la serie D, la C2 e la C1, approdando a maggio ’17 alla Pianese, dove ottenne un 8° e un 1° posto venendo confermato per l’attuale stagione. Il suo modulo prediletto è il 4-3-1-2 (rombo), con cui ha schierato la squadra nelle 6 gare stagionali giocate fin qui. In Coppa Italia serie C la Pianese è stata eliminata nel girone D (1-1 a Pontedera, 0-2 con la Pistoiese) mentre in campionato è 4^ con 7 punti, pari al Novara, con 2 vittorie, 1 pareggio e 1 sconfitta, 5 gol fatti e 2 presi. Gioca le gare interne allo “Zecchini” di Grosseto, 77 km da casa, e quella coi grigi è la seconda gara casalinga, visto che la classifica è maturata con 3 trasferte. Fra i bianconeri c’è l’ex Luca Simeoni, 2 presenze e 1 gol in grigio in Tim Cup ad agosto 2011.

PRECEDENTI – Nessuno.

ALESSANDRIA – La squadra cresce a vista d’occhio, mostrando sempre più sicurezza e solidità. Siamo solo alla quinta giornata, però i segnali sono buoni. L’asse portante degli esperti è di primo piano (Valentini-Cosenza-Gazzi-Arrighini) e intorno ci sono giovani assai interessanti come Cambiaso (grande intuizione di Scazzola come esterno), Celia e Suljic, oltre ed elementi di sicuro affidamento quali Sciacca, Casarini, Eusepi e Sartore.
Insomma, l’Alessandria c’è e l’atteggiamento giusto pure. Per la sfida di Grosseto potrebbe tornare in campo il 3-5-2 di Olbia: Valentini; Prestia, Cosenza, Dossena; Cambiaso, Casarini, Suljic, Gazzi, Celia; Arrighini, Eusepi.

ARBITRO – La terna designata per Pianese-Alessandria di domenica 22 settembre (ore 15, stadio ‘Zecchini’ di Grosseto) è composta dall’arbitro Mattia Caldera (CO) e dagli assistenti Fabrizio Giorgi (Legnano) e Massimiliano Bonomo (MI). Caldera è al 1° anno in serie C, ha nessun precedente con l’Alessandria e uno con la Pianese in D (1-1).

Print Friendly, PDF & Email