Laguna; fantastico Stoner

0
305

Risultato che fa classifica e morale. Perdonate la metafora pallonara. Casey Stoner vincendo a Laguna Seca davanti a Lorenzo non solo allunga in classifica (ora è a +20); ma fa capire al campione in carica che certi alti e bassi della sua carriera sono superati. E che sarà un vero avversario nella corsa al Mondiale. Sul podio anche Dani Pedrosa. Poi Spies; Dovizioso e un malinconico Rossi; la cui mediocrità inizia a non sorprendere più. E forse questo fa più male di una stagione già di suo abbastanza disastrosa. Ancora bocciato Simoncelli; caduto nelle prime fasi.Non è stata certo l’edizione più memorabile della storia del circuito californiano. Al via Lorenzo conserva la pole davanti a Pedrosa; Stoner e Dovizioso. Dietro Simoncelli; poi Valentino che resiste solo per un paio di giri agli attacchi di Ben Spies. La gara è piuttosto lineare: presto si forma un terzetto con Lorenzo davanti a Pedrosa e Stoner; mentre a 26 giri dalla conclusione Simoncelli colleziona l’ennesima caduta stagionale. Altri punti buttati per il Sic; tanto talentuoso quanto incapace di stare in piedi. A 15 giri dalla fine Stoner infilza un Pedrosa in calo con il passare dei giri; forse anche perchè non ancora al meglio fisicamente.L’australiano non si ferma e prende la testa con uno spettacolare sorpasso in fondo al rettilineo d’arrivo a sei giri dalla fine. Una manovra decisa all’esterno. Da gran pilota quale l’australiano è. Jorge; forse alle prese con il dolore alla gamba dopo la caduta delle qualifiche; rinuncia a combattere; mentre dietro Spies soffia la quarta posizione a un Dovizioso mai protagonista.Valentino Rossi mantiene la lucidità dopo l’ennesima gara anonima: “In questo momento mi devo accontentare; perché stare davanti con quei tre lì (Stoner; Lorenzo; Pedrosa) è impossibile. Non ho quel passo; abbiamo troppi problemi. Non ho feeling con la moto; soprattutto con la parte davanti. L’obiettivo realistico è agganciare il ritmo di Dovizioso; Spies e Simoncelli”. Già; ma gli obiettivi a inizio anno non erano questi.Jorge Lorenzo; da uomo vero; dopo la gara non cerca scuse: “Ho finito male la gara per colpa della caduta di ieri? Solo in parte. Sicuramente non ero al top fisicamente; ma la verità è che il problema principale è stato il deterioramento della gomma posteriore. Peccato; perchè ci tenevo a vincere”. Il vincitore conferma la versione del rivale: “Da dietro vedevo che Jorge aveva problemi di aderenza nel finale; mentre la mia moto era a posto. Così ho dato tutto. Bella vittoria dopo un fine settimana complicato”. Pedrosa invece se la prende col dolore al braccio: “Il podio è ok; considerato che alla fine non riuscivo a guidare come volevo perché mi faceva male”.

Print Friendly, PDF & Email