La Juve U23 sbaglia troppo sotto porta, la Carrarese porta via i 3 punti

0
388
L'abbraccio dei compagni al n. 8 Rosaia dopo il gol che vale la vittoria della Carrarese

La Carrarese di Silvio Baldini espugna il ‘Moccagatta’ bianconero e prosegue la sua corsa verso la serie B, in attesa di sapere quante saranno le promozioni dalla serie C.
La Juventus U23 di Zironelli, cresciuta e maturata rispetto allo 0-4 subìto all’andata, crea molti problemi ai gialloazzurri e sfiora più volte il gol del vantaggio, ma un po’ la sfortuna e un po’ gli errori in attacco hanno penalizzato i bianconeri, lasciando l’amaro in bocca.
Fuori l’infortunato Pereyra, si è rivisto in campo dopo mesi il difensore Alcibiade.

LA PARTITA – Bruttina nel primo tempo, scoppiettante nella ripresa. La Carrarese, squadra più prolifica della categoria con i primi due goleador della classifica apposita, si è sempre protesa alla ricerca della profondità e del gol, con la Juve B brava a chiudere e a ripartire. Una sola emozione nel primo tempo: al 15′ cross di Carissoni dalla destra e deviazione di testa di Caccavallo che colpisce la traversa con Nocchi battuto.
Tutt’altra musica nella ripresa. Gli ospiti premono e al 59′ Biasci con un destro sbilenco testa i riflessi del portiere juventino. Al 60′ punizione di Caccavallo da destra e di nuovo traversa, questa volta sulla parte superiore. Al 61′ apertura di Tourè per Bunino che vola in contropiede, cross per Mavididi che non arriva di poco davanti alla porta vuota. Situazione che si ripete al 67′, con Bunino imprendibile per i toscani che va via a sinistra, si accentra e libera Tourè al tiro: il guineano prende la mira sull’uscita del portiere e prende il palo. Al 68′ altra occasione Juve con Zanandrea che lancia Tourè verso la porta, con la difesa gialloazzurra troppo alta: galoppata di 30 metri palla al piede e conclusione in diagonale che accarezza il palo. E’ il momento migliore dei bianconeri e segna la Carrarese: al 70′ punizione per gli ospiti da destra, battuta in tandem da Caccavallo e Valente. E’ uno schema che con quattro tocchi arriva in area, dove una serie di rimpalli favorisce Rosaia, bravo ad inserirsi e a toccare rasoterra alle spalle di Nocchi. Per il centrocampista è il 1° gol stagionale, e vale 3 punti.
La Juve è scioccata e Zironelli prova a rimediare, facendo 4 cambi in 9 minuti, ma gli ospiti resistono. Anzi, al 74′ reclamano un rigore per una caduta in area di Maccarone, ma rimane lettera morta. All’85′ ci prova Mavididi, ma il suo sinistro finisce largo. Al 90′ la Carrarese sfiora il raddoppio: affondo in contropiede e conclusione di Bentivegna che Del Prete salva sulla riga di porta. Nel minuto successivo l’ultimo sussulto: attacco Juve e conclusione strozzata da Olivieri, che da buona posizione regala il pallone al portiere.

LE INTERVISTE – Grande rammarico per il tecnico juventino Zironelli, che avrebbe voluto per i suoi almeno un pareggio, con tutte quelle occasioni da gol sprecate. Contento però per la prestazione dei suoi, apparsi molto più ‘dentro la categoria’ rispetto al girone di andata. Quanto al mercato e alla necessità di una punta si è defilato, spiegando che lui allena chi c’è e alle trattative ci pensa la società. Tipica risposta in stile Juve.
Soddisfatto Baldini, che tra una battuta e l’altra ha spiegato di come la Juve B abbia messo in difficoltà i suoi molto più che all’andata (4-0, ndr). Il tecnico toscano ha riconosciuto che a metà ripresa la fortuna li ha aiutati un po’, anche se ritiene che la vittoria sia meritata.

Print Friendly, PDF & Email