Calcio: dal gioco allagonismo

0
362

Il nostro mondo basato ormai sullagonismo. In tale contesto lo sport non pu rimanere unisola a s stante; un tecnico quindi deve tenere in considerazione anche la motivazione agonistica.Nel passaggio dal gioco allagonismo diventa imprescindibile per un allenatore occuparsi degli stili di attribuzione dei propri giocatori; ossia delle modalit con le quali un giovane vuole attribuire il merito o la colpa delle cose che gli accadono. C chi tende; a torto; ad attribuire la responsabilit di un evento ( per esempio un goal sbagliato) ad altre persone ( compagni.. avversari…) o alle circostanze esterne (campo brutto.. pioggia…). Allo stesso modo; in caso di vittoria; succede che si attribuiscano le cause a terzi (gli avversari erano scarsi…); o a congiunture favorevoli (fortuna…). E dimostrato invece; come siano pi motivati e apprendano maggiori competenze e abilit; quei soggetti che manifestano un locus of control interno; cio coloro che si considerano – a ragione – protagonisti della propria formazione; attribuendo a se stessi eventuali colpe e meriti. E importante dunque convincere il giovane calciatore che i successi e gli insuccessi dipendono dallimpegno; dalla seriet; dalla cura e dalla diligenza che egli sapr offrire; in allenamento come in partita. Le abilit raramente sono innate; al contrario esse possono essere costruite; concretizzate; consolidate; dal giocatore stesso attraverso linterazione con i compagni di squadra e il mister. Troppe volte lagonismo negli ultimi anni ha invaso il gioco; troppe volte si pensa al risultato finale e non alla crescita del bambino; ma sta ai nuovi e giovani allenatori invertire questa tendenza. Un tecnico preparato e consapevole deve saper preparare allagonismo il proprio giocatore e la propria squadra a seconda dellet evolutiva e delle caratteristiche fisiche; caratteriali e della personalit cui si trova di fronte. La gestione della spinta agonistica delladulto non pu non essere differente da quella del bambino o delladolescente. A cura di Davide Balduzzi

Print Friendly, PDF & Email