Cagnotto finale 3 metri

0
423

Tania Cagnotto entra ancora col brivido in finale; come da un metro dove poi ha colto il bronzo; dai tre metri: per la bolzanina; 12° punteggio in 299.70. E con questa finale si qualifica quindi per l’Olimpiade di Londra 2012; mentre è fuori dalle magnifiche 12 Francesca Dallapé che in semifinale ha totalizzato 275 punti chiudend al 18° posto. Miglior punteggio per la cinese Wu Minxia con 360;65. Domani; dunque; Tania; potrà ritentare la medaglia e sarebbe un record: ha già ottenuto tre bronzi negli ultimi 3 Mondiali in questa specialità. “Sono stracontenta”. FONDO SOLO LACRIME — Fondo beffato. L’Italia della fatica esce dalla 5 km maschile e femminile con due medaglie di legno: con quella di giovedì nella prova a squadre sempre di 5 km; ora sono tre i quarti posti degli azzurri in questo Mondiale che ormai pare segnato e non baciato dalla fortuna. Tocca prima a Rachele Bruni commentare la medaglia mancata dopo essere rimasta in testa sino a 800 metri dalla fine; quando è rimasta intrappolata tra la svizzera Oberson; vincitrice in 1h00’39″7; e l’argento francese Muller (Fra a 4/10) con l’americana Twichell che operava il sorpasso decisivo sulla toscana; comunque soddisfatta «di averci provato». Perchè se arrivi a 2″ dall’oro protagonista lo ei stata sino al traguardo. Al quinto posto s’è piazzata la russa Seliverstova; al quattordicesimi posto Alice Franco (e a 11″9). Subito dopo; sotto un caldo opprimente; è toccato al veneto Nicola Bolzonello fare i conti con la sfortuna: rimasto coperto per gran pat della gara; Nicola è uscito dal gruppo all’inseguimento del vivincitore tedesco Thomas Lurz; salito sul podio con l’iridao Spyros Gianniotis e il russo Drattsev. Decimo Simone Ruffini; visto tra i primi nel’ultimo giro. dal nostro inviatoStefano Arcobelli

Print Friendly, PDF & Email