Arriva l’Olbia, la Juventus U23 vuole rialzare la testa dopo due sconfitte

0
448

Terzultima gara di campionato, in casa con l’Olbia, per la Juventus U23, che a fine aprile chiuderà i giochi della prima annata in serie C, antesignana delle ‘seconde squadre’. 
Nell’ultima giornata di calendario, infatti, starà a guardare beneficiando dei ‘3 punti a tavolino’ che arriveranno in regalo dal Pro Piacenza, escluso mesi fa in questo torneo taroccatissimo, gestito veramente male nelle alte sfere. I punti potenziali sono già 38, troppo pochi però per poter ambire ai playoff: l’obiettivo quindi contro i sardi sarà quello di tornare alla vittoria, cancellando il brutto ricordo dello 0-4 con la Pistoiese, arrivato un po’ a sorpresa dopo 4 successi casalinghi di fila. Attenzione però: anche l’Olbia è nelle stesse condizioni, senza obiettivi e senza rischi, e quindi potrà giocate ‘ a testa libera’.

PRECEDENTI – Solo uno, la partita di andata, finita 1-0 per la Juve B grazie al gol di Bunino al 90′.

OLBIA – In classifica è 13^ con 34 punti, ottenuti grazie a 8 vittorie, 10 pareggi e 15 sconfitte, con 34 gol fatti e 42 subìti. Eliminata in Coppa di C dall’Arzachena, sta gestendo  ormai ‘a testa libera’ una confermata permanenza in categorìa. E’ reduce da 2 sconfitte consecutive senza segnare, ma non pareggia da 8 partite, di cui 3 vinte e 5 perse.
Ha una rosa di 23 elementi (5 stranieri) con un’età media di 21.9 anni, addirittura più giovane della stessa Juve.  La guida tecnica, che applica il modulo 4-3-1-2, è affidata al 38enne Michele Filippi, già vice sulla panca gallurese di Mereu, Mignani e Tiribocchi e, soprattutto, dottore in medicina, specializzato in Ortopedia e Medicina dello Sport. Caso unico, credo, nel mondo del calcio. Gli uomini-guida in mezzo a tanti giovani sono i due cagliaritani Francesco Pisano, terzino destro (231-1 in A), e l’attaccante Daniele Ragatzu (9 gol, prestito Cagliari, 37-4 in A), ma occhio ai due giganti neri d’attacco, il colombiano Ceter (8 gol, prestito Cagliari) e il nigeriano Ogunseye (7 gol, scuola Inter).
Di fatto questi ultimi tre hanno segnato 24 dei 34 gol totali della squadra.

JUVENTUS U23 – Reduci da due sconfitte di fila, i bianconeri vogliono tornare al successo. Da un paio di mesi Zironelli ha puntato tatticamente sul 4-3-1-2 e sembra orientato a farlo anche per questa partita. Al netto degli infortunati e dei giocatori convocati in prima squadra, l’undici iniziale che affronterà l’Olbia potrebbe essere così: Del Favero; Del Prete, Alcibiade, Andersson, Masciangelo; Tourè, Muratore, Fernandes; Pereira; Olivieri, Mokulu.

ARBITRO – La terna designata per dirigere Juventus U23-Olbia di sabato 13 aprile (14.30) allo stadio ‘Moccagatta’ è formata dall’arbitro Francesco Cosso (RC) e dagli assistenti Giuseppe Licari (Marsala) ed Emilio Micalizzi (PA). Cosso è al suo 2° anno nella Can di serie C e ha un solo precedente con i sardi: Olbia-Monza 2-1 (17-12-17), mentre non ha mai diretto i bianconeri, nemmeno a livello giovanile.

Print Friendly, PDF & Email