Alessandria, presentati il nuovo tecnico D’Agostino e il suo staff

0
378
Da sinistra D'Agostino, Picollo, Soldati, Mancino e Cassioli durante una visita al Centro Michelin (foto Alessandria Calcio)

Prima conferenza stampa da allenatore dei Grigi per Gaetano D’Agostino, che ha sottoscritto col club di patron Di Masi un contratto biennale. E’ stata un’uscita ufficiale, nella quale il nuovo mister, di cui vi ho già raccontato ieri su questo sito, ha presentato il suo staff di collaboratori, che lo ha seguito dalla Virtus Francavilla.

L’allenatore in seconda sarà Gaetano Mancino, 37 anni, palermitano come D’Agostino, ex attaccante con una discreta carriera in serie C e D, chiusa nel 2007 nel Derthona.
La preparazione atletica sarà il lavoro di Jonathan Picollo mentre Cristian Cassioli (con D’Agostino fin da Anzio) sarà collaboratore di prima squadra, ed insieme a Picollo si occuperà del recupero infortunati. Scompare così dall’organigramma tecnico la figura di Andrea Bocchio, che sta ragionando con la società per passare ad altre mansioni.
Rimane invece Andrea Servili come preparatore dei portieri, così come sono confermati il d.s. Massimo Cerri e il suo collaboratore Alessandro Soldati, responsabile dell’area scouting e quindi importantissimo in una stagione in cui si punta sui giovani.
Stimolato più volte sul progetto tattico dalle domande dei giornalisti, D’Agostino ha aggirato l’ostacolo non citando mai moduli o numeri, ma parlando di atteggiamento, di voglia di vincere, di stimoli che devono avere i giocatori, che dovranno avere la consapevolezza di dove giocano e con quale maglia.

Il presidente Luca Di Masi ha ribadito e confermato il suo impegno per la società, da solo, senza bisogno di soci e con rinnovato entusiasmo, puntando però ad un calcio più sostenibile economicamente e spumeggiante sul campo, scelta condivisa in pieno dal nuovo tecnico Gaetano D’Agostino, nei cui occhi il patron torinese ha trovato ‘quella luce’ che non avevano gli altri due pretendenti alla panca grigia. Insomma, si sono piaciuti.

Quanto allo stadio Moccagatta, che nella stagione 2018-2019 sarà completamente agibile, c’è la prospettiva che possa essere condiviso, alternando le gare con l’Alessandria, con Juventus B qualora dovessero essere ammesse le seconde squadre, oppure con il neo-promosso Gozzano, alla ricerca di un campo di gioco. Non è possibile, invece, la presenza di un’altra neo-promossa, l’Albissola, perchè obbligata a giocare in Liguria.

Da oggi in avanti si ragionerà di mercato, di conferme, di cessioni e di acquisti, mentre le date del raduno (alla Michelin di Spinetta) sono ancora da stabilire.

 

Print Friendly, PDF & Email