Alessandria, ieri la presentazione
dei sei “nuovi” giocatori

0
493
Da sin. il brasiliano Sartore, Checchin, Soldati, Agpstinone, Sbampato, Badan e il greco Zogkos

Si è svolta nel tardo pomeriggio di ieri, all’interno della sala stampa dello stadio ‘Moccagatta’ di Alessandria, la presentazione dei 6 nuovi giocatori acquistati per la stagione ’18-’19. Il responsabile dell’area tecnica Alessandro Soldati, promosso rispetto alla scorsa stagione, ha così fatto il suo debutto ufficiale nella nuova veste davanti ai microfoni. Per nulla emozionato, Soldati ha brevemente introdotto i 6 ‘nuovi grigi’, a cui ha lasciato spazio per la presentazione individuale prima delle domande dei giornalisti.

Poco hanno potuto raccontare, uno per l’altro, al di là delle consuete frasi di circostanza, Sartore, Sbampato e Badan. Si sono dilungati un po’ di più Checchin, che ha raccontato le tribolazioni della passata stagione con l’operazione alla caviglia (ora è guarito, ma sono 7-8 mesi che non gioca…) e Agostinone, più scafato davanti alla stampa (ha 30 anni), che ha parlato ‘da capitano’, consapevole del fatto che dovrà fare da chioccia ai tanti giovani. Se non fosse che ha prolungato il contratto Cazzola (1 anno), si potrebbe scommettere sulla fascia a lui. Ma d’altronde era già con D’Agostino a Francavilla e ben conosciuto dal ds Cerri, quindi sarà uno degli uomini di riferimento dello spogliatoio. E Zogkos parla solo greco e inglese, quindi al di là dell’auto-presentazione non gli sono state fatte domande.

MERCATO – Interessante, poi, il colloquio con il ds Massimo Cerri dopo la presentazione.
Il portiere Vannucchi non si è presentato al raduno ed è assente perché sta trattando con l’Ascoli, quindi o chiude o rientra nel fine settimana. Ma bisogna tenere presente che i marchigiani hanno esonerato Cosmi e ingaggiato Vivarini per la panchina.
Se la Pro Vercelli venisse ripescata in B potrebbe valere ancora la clausola di riscatto per Gozzi, che non sarebbe da vendere, mentre se in B ‘saltasse’ il Bari Iocolano rimarrebbe svincolato e l’Alessandria ci rimetterebbe i soldi del riscatto obbligatorio, circa 120.000 €.
Per il resto tante voci e abboccamenti ma nessuna trattativa avanzata, con richieste per i nomi più importanti, procuratori che lavorano per trovare sistemazioni in serie B e l’ostacolo dell’ingaggio alto.

Print Friendly, PDF & Email