Alessandria avanti in TIM CUP
Teramo battuto 2-1, ora il Perugia

0
680

Alessandria qualificata al secondo turno e regalo di compleanno anticipato per Luca Di Masi, patron grigio, che proprio oggi compie 40 anni.
Davanti a circa 2.300 spettatori, numero importante se si pensa alla data (31 luglio) e all’ora (le 17), l’Alessandria di Piero Braglia centra la prima vittoria stagionale battendo il Teramo di Lamberto Zauli per 2-1 (40′ Iocolano, 42′ Carraro, 61′ Bocalon).
Per la verità in panchina c’era Mauro Isetto, il vice, in quanto Braglia ha scontato la prima di due giornate di squalifica (l’altra la ‘scaricherà’ a Perugia), cosa che gli toccherà fare anche alla prima di campionato (28 agosto). Avanzi della stagione scorsa, che testimoniano il ‘calore’ del tecnico grigio in panchina, che però, sul campo, ha lavorato bene fin qui.
La squadra, schierata col 4-4-2, che spesso in fase offensiva diventa 4-2-3-1 con gli esterni che si alzano, Gonzalez che arretra a fare il trequartista e Bocalon che va in profondità, ha sofferto il giro-palla del Teramo nel primo tempo (bravo Vannucchi in paio di occasioni), passando al 40′ grazie ad uno ‘strappo’ di 40 metri di Gonzalez che, giunto al limite, ha regalato un assist ‘no-look’ a Iocolano che ha fatto centro con un destro basso ‘a giro’. L’entusiasmo per il vantaggio ha fregato i grigi (“…mai avrei pensato di finire in parità il primo tempo…” dirà poi Isetto) che con un calo di concentrazione collettivo hanno regalato la palla dell’1-1 a Carraro.
Nella ripresa meglio l’Alessandria da subito, con gioco più fluido grazie alla crescita della coppia centrale Cazzola-Branca: il raddoppio arriva poco oltre il quarto d’ora con ‘din-don’ Bocalon che mette dentro sul secondo palo un cross da destra di Marras. Subito dopo il 2-1 altra ‘amnesia’ difensiva che regala a Croce la palla del pari, ma il bravo centravanti sbaglia di pochissimo. Da lì in poi il Teramo (4-3-1-2), che ci teneva a passare il turno, ha provato a rimediare andando anche vicino al gol in un paio di occasioni, ma ha rischiato tantissimo, esponendosi al contropiede di un un’Alessandria sciupona che ha inserito via-via Fissore per Gozzi (62′), Mezavilla per Gonzalez (68′) e Fischnaller per Iocolano (74′). Nel finale di gara grigi vicini al terzo gol 4-5 volte (rete annullata a Bocalon) e chiusi a difendere il vantaggio col 4-5-1.
Domenica 7 agosto l’Alessandria sarà a Perugia (le squadre di serie B entrano in gioco) con orario da stabilire, se passerà tornerà al Moccagatta contro la vincente di Carpi-Maceratese.

Print Friendly, PDF & Email