In cosa consiste l’agopuntura?

0
344

L’agopuntura è una delle tecniche terapeutiche della medicina Tradizionale Cinese (MTC) e risale al III millennio a.C. La Medicina Cinese studia l’organismo nella sua globalità ed ogni patologia viene inquadrata nel contesto dell’intero organismo. L’agopuntura è una medicina complementare e necessita di un’accurata diagnosi che dipende dall’anamnesi e dall’esame clinico del paziente secondo la Medicina Tradizionale cinese integrata con la diagnostica occidentale, con l’obiettivo finale di ottenere il massimo beneficio del paziente. Per tali motivi è un atto medico e solo il medico esperto può esercitarla. Gli effetti dell’agopuntura sono: contro il dolore, effetto antinfiammatorio, effetto sulle patologie ormonali, effetto sul tono muscolare, effetto sui vasi sanguigni, effetto sulla sfera psicoemotiva. In conseguenza degli effetti dell’agopuntura si possono trattare le seguenti patologie: patologie muscolo-scheletriche (cervicalgia e cervico-brachialgia, lombalgia, lombocruralgia, lombosciatalgia, spalla dolorosa, periartrite scapolo-omerale, epicondilite, algire polso e mano, s. tunnel carpale, coxartrosi, periartrite dell’anca, gonartrosi, algie di piede e caviglia, fibromialgia, artrite reumatoide, polimialgia reumatica, artropatia gottosa), patologie neurologiche (emiparesi da ictus, ipertonia piramidale, nevralgia trigeminale, post-herpetica, cefalea ed emicrania, depressione, ansia, insonnia, patologie respiratorie (asma, BPCO, allergie respiratorie), patologie gastroenteriche (nausea e vomito gravidico, ernia jatale, s. colon irritabile), patologie cardiovascolari (ipertensione arteriosa, turbe del ritmo, edemi AAII, linfedema) patologie ginecologiche (disturbi del ciclo mestruale, sindrome climaterica, infertilità) e ostetriche (rivolgimento fetale, vomito gravidico, ecc). Gli aghi non fanno male. Quando si viene punti si avverte una sensazione di graffio, poi non si avverte più l’ago. Gli aghi, esclusivamente monouso, rimangono infissi per 30’, durante i quali i pazienti spesso si rilassano, grazie alla piacevole sensazione di distensione che l’agopuntura stessa produce. Con l’agopuntura si possono trattare anche pazienti in trattamento anticoagulante o con pace-maker. Ha inoltre il vantaggio di poter permettere la riduzione e talvolta la sospensione di alcuni farmaci, diminuendo così la spesa farmaceutica e gli effetti collaterali collegati all’uso dei farmaci stessi. Prima di fare le sedute è necessaria una visita del medico agopuntore. Poi seguono 6-10 sedute con cadenza mono o bisettimanale a seconda che la patologia sia in fase acuta o cronica.

Dott.ssa Giuseppina Di Stefano
Medico Chirurgo Specialista in
Medicina Fisica e Riabilitazione
Indirizzo Riabilitazione Neurologica
Medico Agopuntore
Master Universitario di II Livello in Psico-Neuro
Endocrino-Immunologia

Print Friendly, PDF & Email