Lo stadio Moccagatta rinnovato sarà pronto per il prossimo campionato

0
2017

Un sogno coronato, quello del presidente Luca Di Masi, che è raggiante quando presenta il progetto-stadio dicendo di “guardare il mondo con gli occhi di un bambino”.
C’erano tutti ieri, alla presentazione del progetto in Sala Zandrino del Teatro Comunale: lui, il sindaco Rita Rossa, il vice sindaco e assessore alla Sport Giancarlo Cattaneo, i tecnici del comune e quelli degli studi che hanno pensato la ristrutturazione del ‘Mocca’, la casa dell’Alessandria Calcio.

La convenzione si potrà firmare a breve: dopo l’approvazione della Giunta ieri mattina, dovrà superare l’esame della Commissione Lavori Pubblici e poi affrontare il voto del Consiglio Comunale (giovedì 24 novembre), ma non pare ci siano ostacoli al riguardo. Dopo la firma, la convenzione diventerà operativa.

La convenzione prodotta fra ente pubblico e società privata, che assegnerà la gestione dello stadio fino al 2027 (12 anni, rinnovabile), ha avuto un iter particolarmente laborioso ed è stata definita dal sindaco di Alessandria “un modello cui altre realtà potrebbero ispirarsi, perché ha tenuto conto veramente di tutto, dal nuovo codice degli appalti al parere della Soprintendenza ai Beni Culturali ed è molto innovativa nel settore”.

In concreto i lavori inizieranno a fine campionato, dureranno dai 3 ai 4 mesi, riguarderanno tutti i settori dello stadio per una spesa totale di 2.400.000 € che la società di calcio anticiperà, agendo da ‘stazione appaltante’, e il Comune restituirà con una prima maxi-rata da 450.000 € nel 2017, più altre quattro da 275.000 € l’una a scalare negli anni, per un totale di 1.550.000 €. Il resto verrà computato come canone di affitto dell’impianto, pari a 108.000 € annui. A tutte le cifre andrà sommata l’IVA, che potrà essere del 10% o del 22%, a seconda del pronunciamento dell’Agenzia Entrate.

Print Friendly, PDF & Email