Inaugurato il progetto “Lara”: gli amici a 4 zampe entrano in ospedale

0
1657

RISISTEMATO ANCHE IL GIARDINO INTERNO CON PRATO VERDE, PIANTE E FIORI

  Gli animali come terapia: è questo il principio che ha ispirato il progetto LARA realizzato dalla Fondazione Uspidalet Onlus e inaugurato ufficialmente alla presenza di un folto pubblico di autorità, donatori, personale medico e paramedico, pazienti e visitatori.

I lavori sono iniziati nel settembre dello scorso anno e l’intervento ha riguardato il ripristino del cortile interno dell’Azienda Ospedaliera “Santi Antonio e Biagio” di Alessandria, prospiciente i reparti di Geriatria e di Psichiatria, e la creazione di un’area attrezzata, completamente recintata dove i pazienti potranno incontrare i loro “amici a quattro zampe”. L’opera di restyling ha interessato il rifacimento della pavimentazione in porfido, la realizzazione dell’impianto di irrigazione e di illuminazione, l’arredo con panchine, l’imbiancatura delle pareti perimetrali e del muro di cinta, la tinteggiatura della recinzione esterna.

E’ stata, inoltre, effettuata la risistemazione del giardino con un bel prato verde su cui spiccano rampicanti, piante da fiori e piante aromatiche di cui i degenti potranno prendersi cura, trascorrendo qualche ora in serenità a contatto con la natura.

Il valore complessivo del progetto è di circa 90.000 euro comprensivo dell’intervento edilizio e dell’impegno dei professionisti.

 

A tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione del progetto è andato il più sincero e caloroso ringraziamento da parte della Presidente della Fondazione Uspidalet Onlus, Alla Kouchnerova che nel suo intervento ha dichiarato: “Siamo molto soddisfatti del nostro lavoro e non appena la natura avrà fatto il suo corso, le piante avranno ricoperto le reti e l’erba del prato sarà rigogliosa, quello sarà il giardino LARA, come noi lo abbiamo voluto! A suo tempo, abbiamo accolto con entusiasmo la proposta dei primari dei reparti di Geriatria e Psichiatria non solo perché la presenza degli animali domestici è terapeutica per i degenti, ma anche per restituire ai pazienti e ai visitatori, ai medici e al personale sanitario un’area verde di gradevole impatto e di facile accesso. L’intervento si è rivelato molto più impegnativo dal punto di vista economico di quanto non avessimo previsto, nonostante che i professionisti abbiano prestato la propria opera a titolo gratuito. Fortunatamente la disponibilità dei nostri benefattori è stata ancora una volta commovente e, oggi, con l’inaugurazione del “LARA” abbiamo tagliato anche il traguardo del 65° progetto portato a termine dalla Fondazione per migliorare le condizioni di cura e degenza di tutti coloro che si rivolgono alle strutture dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria”.

 

Il Direttore Generale dell’Azienda, Giacomo Centini ha ringraziato la Fondazione Uspidalet per questo nuovo intervento di umanizzazione rivolto ai pazienti più deboli, che soffrono maggiormente del distacco dai loro cari, dalla loro casa e dall’affetto dei loro “amici a quattro zampe”. Un progetto che va ad integrare, con grande attenzione all’aspetto sociale, i servizi che l’Ospedale di Alessandria rende ai pazienti contribuendo, in alcuni casi, ad accelerarne la guarigione come hanno sottolineato i Direttori della Struttura Complessa di Geriatria, Aldo Bellora e di quella di Psichiatria, Patrizia Santinon.

 

Molte persone sole o con la famiglia lontana – ha precisato il dottor Bellorariacquistano benessere psico-fisico e una nuova qualità di vita grazie alla presenza di un animale e all’attività di pet therapy che sviluppa i sensi e lavora su molti meccanismi psicologici: accarezzare l’amico a quattro zampe può rilassare e dare serenità, una semplice parola o un gesto verso l’animale possono interrompere la monotonia e il silenzio allontanando la solitudine e la depressione. In alcuni casi, gli anziani rifiutano il ricovero in ospedale per non dover abbandonare i propri animali domestici, per cui la possibilità di poterli incontrare in un’area attrezzata rappresenta per loro un grande sollievo e una motivazione in più per utilizzare le proprie capacità residue”.

 

“Il progetto di riqualificazione degli spazi verdi, cuore dell’ospedale, voluto dalla Fondazione Uspidalet – ha affermato la dottoressa Santinon – nasce da una storia di amicizia, quella di Beba, bibliotecaria di questo Ospedale, e di Ennio, primario della SC Psichiatria negli anni in cui il cortile, cuore dell’intervento era abitato dai pazienti che l’allora Direttore invitava al caffè sul modello del Professor Borgna suo maestro. Il progetto LARA rivitalizza il cuore dell’Ospedale nella sua porzione più antica che meglio definisce la sua identità nell’ottica dell’inclusione e ridefinisce un dialogo tra l’interno e l’esterno, tra l’intrapsichico e l’interpsichico, tra l’ospedale e il suo territorio. Un grazie anche per la sistemazione del giardino dove la cura di alcune piante sarà affidata ai pazienti ricoverati in day Hospital o nel reparto di Psichiatria coordinato dall’équipe infermieristica con la supervisione del dottor Sergio Raffaelli”.

Due targhe, collocate ai lati del cortile, sono state inaugurate al termine della cerimonia per ricordare l’una i professionisti che hanno messo le proprie competenze a disposizione di questo progetto con l’unico obiettivo di offrire un servizio a tutti coloro che vivono la realtà dell’Ospedale di Alessandria: l’architetto Francesca Rapetti che ha realizzato il progetto, l’ingegner Ennio Radio direttore dei lavori che ha scrupolosamente seguito l’intervento coinvolgendo altri esperti come l’ingegner Fulvio Delucchi responsabile della sicurezza, il professor Angelo Ranzenigo che ha offerto la consulenza botanica, il professor Michele Martella che si occupa di restauro e conservazione delle opere d’arte e si è curato della tutela del complesso in sintonia con la competente Soprintendenza. I lavori sono stati realizzati dalla impresa edile Cavallo e le piante che decorano il giardino sono state fornite dalla Floricoltura GIRASOLE di Bergaglio & Massa.

 

L’altra targa consegna a futura memoria i nomi dei donatori che hanno generosamente contribuito a raggiungere questo importante obiettivo versando contributi oppure organizzando eventi per la raccolta dei fondi necessari a realizzare il progetto: dai “big” della solidarietà come la Fondazione Banca Nazionale del Lavoro, la Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, la Fondazione Banca Popolare di Novara per il Territorio, agli organizzatori del 7° TROFEO DELL’AMICIZIA, quadrangolare svoltosi a Piovera, al Centro Centogrigio con i proventi della partita U.S. Alessandria Calcio-F.C. Torino Calcio, i promotori della serata di beneficienza a Volpedo, ai numerosi privati che hanno partecipato sia a titolo personale che acquistando i biglietti della LOTTERIA DI NATALE 2016. Un grande lavoro di equipe supportato dai volontari della Fondazione!

 

A conclusione della cerimonia, gli ospiti hanno apprezzato un piacevole intrattenimento che Patrizia Fossati e Lorella Perrone del Centro Pet Therapy Bimba di Carbonara Scrivia hanno organizzato con i loro simpatici “allievi” a quattro zampe. L’inaugurazione del progetto LARA è stata anche occasione per presentare il nuovo gazebo fatto realizzare all’interno del cortile dalla ditta CHEF EXPRESS, che gestisce il punto ristoro dell’Ospedale, rendendo più confortevole la sosta per tutti coloro che accedono all’area attrezzata. Un grazie anche a loro per il brindisi che hanno voluto offrire a tutti gli ospiti presenti.

 

Per accedere all’area con gli animali domestici è stato predisposto un apposito regolamento che rende necessario munirsi di nulla osta da parte del medico curante e, previo contatto con la portineria dell’Ospedale, utilizzare l’ingresso di piazza Goito, antistante la Chiesa.

Print Friendly, PDF & Email