Cardiochirurgia, da Alessandria a Singapore una tecnica per ridurre il rischio di ictus

0
3025

La procedura, praticata alla Clinica Città di Alessandria, cura la fibrillazione atriale cronica in alternativa alla terapia standard.

Una tecnica cardiochirurgica sicura ed efficace nel trattamento della fibrillazione atriale cronica, praticata al Dipartimento Cardiovascolare “Centro Cuore” della Clinica Città di Alessandria (Gruppo Policlinico di Monza), è stata presentata al nono Congresso internazionale di Cardiologia del BIT, che quest’anno si è tenuto a Singapore dal 15 al 17 novembre. Si tratta della chiusura dell’auricola sinistra, una piccola struttura di forma variabile che comunica con l’atrio sinistro del cuore ed è la sede più diffusa di formazione dei trombi responsabili di ictus nei pazienti colpiti dalla più comune alterazione del battito cardiaco, nota come fibrillazione atriale. La procedura, eseguita per via chirurgica o endovascolare, è indicata nei pazienti affetti da fibrillazione atriale cronica che, a causa di intolleranza o rischio emorragico, non possono essere curati con la terapia di riferimento, ovvero la terapia anticoagulante orale (TAO).

A presentare alla comunità scientifica internazionale i risultati dell’applicazione della tecnica alla Clinica Città di Alessandria è stato il Dott. Luca Sandrelli, Responsabile dell’Unità Funzionale di Cardiochirurgia del Centro Cuore. “Da novembre 2012 – spiega il Dott. Sandrelli – abbiamo eseguito la procedura su 17 pazienti, di età media pari a 72 anni, che presentavano intolleranza o complicazioni severe dovute alla terapia anticoagulante orale. Otto di loro sono stati trattati con la chiusura dell’auricola sinistra per via chirurgica, tramite una piccola toracotomia sinistra, un’incisione della parete toracica. Per gli altri nove è stata scelta la chiusura percutanea, cioè l’inserimento di un dispositivo attraverso i vasi sanguigni”. La sopravvivenza è stata del 100% e i 17 pazienti, dimessi con la prescrizione di una terapia antiaggregante ma non della terapia anticoagulante orale, non hanno presentato sintomi di malattia durante i successivi controlli.

L’esposizione della chiusura dell’auricola sinistra al Congresso di Singapore su “Bridging Excellence in Cardiology and Clinical Aspects”, organizzato dal gruppo cinese BIT, è solo la più recente attività scientifica del Dipartimento Cardiovascolare della Clinica Città di Alessandria. A luglio scorso la Twist Technique introdotta dal Prof. Mario Fabbrocini, Direttore del Dipartimento, è stata pubblicata sul World Society of CardioVascular and Thoracic Surgeons Journal. Dal punto di vista dell’attività clinica, a oggi nel Centro Cuore, che nel 2018 festeggerà il suo ventennale, sono stati eseguiti oltre 8mila interventi di Cardiochirurgia e 3mila di Chirurgia Vascolare, nonché 20mila procedure di Emodinamica e 5mila di Elettrofisiologia, con risultati che rientrano nelle casistiche di mortalità e morbilità tipiche dei centri di eccellenza.

Print Friendly