“Veleno” di Diego Olivares al Circolo del Cinema

0
218

Questa sera, martedì 14 novembre, alle ore 21.15, presso il cinema Multisala Kristalli di via Parini 17, il Circolo delo Cinema Adelio Ferrero propone la visione di Veleno di Diego Olivares, pellicola presentata come evento speciale alla Settimana della Critica durante l’ultimo Festival del Cinema di Venezia. Introduzione e commento al film a cura dell’Associazione La Voce della Luna.

Veleno porta in scena il dramma di un territorio violato, contaminato dai veleni che criminali senza scrupoli hanno disseminato in buona parte del casertano. In un piccolo centro di quella provincia, un’umile famiglia di agricoltori rifiuta di lasciare che i suoi terreni diventino una discarica a cielo aperto. Cosimo Cardano (Massimiliano Gallo) e sua moglie Rosaria (Luisa Ranieri) lottano contro la piaga dei rifiuti tossici, senza lasciarsi piegare dalle minacce e ripercussioni da parte di alcuni esponenti della camorra, tra i quali il giovane avvocato Rino (Salvatore Esposito). Se la coppia non vuole staccarsi dalle proprie radici, né abbandonare la terra a un potere mafioso che corrompe e distrugge, Ezio, fratello di Cosimo, e sua moglie accettano di essere complici della devastazione dei loro territori, attratti da facili guadagni e spaventati dalle conseguenze di un’opposizione. A complicare ulteriormente le cose è la grave malattia di Cosimo causata dal veleno che contamina l’acqua, i raccolti, il bestiame. La storia di Cosimo diventa la sintesi delle piccole e grandi contraddizioni di una terra abbandonata a se stessa, dove l’unico potere riconosciuto è quello criminale.

Nel corso della serata sarà possibile iscriversi al Circolo del Cinema: la tessera per la nuova stagione viene proposta al costo di 12 euro (per gli studenti fino a 25 anni 6 euro). Il costo del biglietto d’ingresso per i tesserati è di cinque euro. I non tesserati possono accedere alla visione del film acquistando il biglietto normale (7,50 euro).

Per informazioni: www.circoloferrero.blogspot.it

Barbara Rossi

 

Print Friendly