Il progetto didattico della Fondazione Cassa di Risparmio

0
628

L’”ATLANTE STORICO DELL’ALESSANDRINO” IN OMAGGIO A TUTTE LE CLASSI

Il progetto didattico della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria continua a riscuotere grande interesse tra gli studenti e i docenti delle scuole dell’alessandrino che, negli ultimi mesi, hanno affollato numerosi la prestigiosa sede di Palatium Vetus e le sale d’arte dove è esposta la collezione di dipinti e sculture di proprietà dell’Ente.

Inoltre, la Fondazione ha deciso di offrire in omaggio a tutte le classi che partecipano all’iniziativa una copia del volume “Atlante Storico dell’Alessandrino” nell’ottica di approfondire lo studio e la conoscenza della storia del nostro territorio.

Il progetto, che ha preso il via nello scorso mese di novembre, ha fatto registrare, ad oggi, circa 500 presenze di allievi delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado e sono oltre 50 le classi che, entro i prossimi tre mesi, hanno già prenotato la visita indicando la proposta didattica prescelta. L’adesione più alta si è rilevata tra le classi della scuola primaria.

Ogni visita prevede la partecipazione degli studenti ad un “laboratorio”, i cui contenuti sono stati messi a punto in base all’età e alla classe frequentata dai giovani visitatori. I percorsi proposti permetteranno agli studenti di conoscere o approfondire la conoscenza delle opere di importanti artisti dell’800 e del ‘900 che sono originari dell’alessandrino o che hanno lavorato o avuto contatti con il nostro territorio.

La quadreria della Fondazione vanta, infatti, opere di Giovanni Migliara, Carlo Carrà, Felice Giani, Giuseppe Pellizza da Volpedo, Pietro Morando, Angelo Morbelli, Cino Bozzetti,  Giuseppe Pietro Bagetti, Alberto Caffassi, Angelo Barabino, Leonardo Bistolfi, G.B. Comolli, Augusto Rivalta, Luigi Crosio, Luigi Onetti, Cristoforo De Amicis, Giulio Benzi. Una panoramica di grandissimo interesse culturale che spazia attraverso due secoli di storia dell’arte e mette a disposizione del pubblico un vero e proprio patrimonio di conoscenze.

 

Siamo molto soddisfatti dei risultati conseguiti da questo progetto culturale rivolto alle scuole in quanto il nostro obiettivo è proprio quello di offrire ai ragazzi un’opportunità concreta di educazione al patrimonio artistico e di approfondimento sulle figure che hanno segnato la storia delle arti figurative, non solo a livello locale. Gli studenti hanno potuto rendersi conto dell’importanza di figure come Carrà, Morbelli, Pellizza da Volpedo, fondamentali nel determinare le sorti della storia culturale del nostro Paese in particolare per quanto riguarda il passaggio dall’800 al ‘900 e il sorgere delle avanguardie che dal divisionismo hanno avuto origine – afferma Pier Angelo Taverna, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria -. I docenti e gli studenti hanno immediatamente aderito all’iniziativa e, quasi tutti i giorni, abbiamo il piacere di accogliere classi di bambini e di ragazzi che seguono con attenzione la visita guidata di Palatium Vetus e della collezione d’arte, partecipando con entusiasmo ai laboratori didattici. Le porte del nostro Palazzo sono sempre state aperte agli studenti in occasione di eventi culturali di particolare prestigio, ma con questo progetto intendiamo gettare le basi per una collaborazione costante e concreta con le scuole. Anche l’omaggio dell’”Atlante Storico dell’Alessandrino” a tutte le classi fa parte di questa strategia in quanto si tratta di un’opera originale, unica nel suo genere in Italia, realizzata grazie a un team di studiosi e a una casa editrice di qualità come la De Agostini, che illustra il nostro territorio partendo dall’evoluzione delle ere geologiche. Un grazie sincero a tutti coloro che collaborano a questo progetto didattico che è stato ideato e coordinato dalla d.ssa Vittoria Oneto, alla quale vanno i complimenti per questa innovativa proposta culturale che ha riscosso grande interesse da parte del mondo scolastico alessandrino e un cordiale saluto a tutti gli studenti e ai docenti che hanno scelto di parteciparvi”.

 

E’ ancora possibile aderire al progetto rivolgendosi per informazioni e prenotazioni al 347 – 8095172 o alla mail: [email protected].

La visita e la partecipazione al laboratorio richiedono un impegno di circa due ore.

I laboratori, i materiali didattici – fogli da disegno, pastelli, tempere, etc…-  e le visite guidate sono completamente gratuiti e offerti dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria.

Le attività si svolgono dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 12.30, entro la fine del prossimo mese di maggio.

 

 

 

PROPOSTE DIDATTICHE

SCUOLA DELL’INFANZIA , 1° e 2° CLASSE SCUOLA PRIMARIA

Unendo il fine educativo a un approccio ludico, i bambini saranno guidati in un percorso di conoscenza e consapevolezza del luogo espositivo attraverso i temi a loro familiari come i colori, la natura e gli animali.

Con le prime due classi della Primaria approfondiremo il tema dei colori primari e secondari.

LABORATORIO N.1 – CERCHIAMO GLI ANIMALI!

I bambini si divertiranno a riconoscere e colorare immagini di animali estrapolate dalle opere di Morando presenti in collezione.

Durante la successiva visita alla mostra, nel contesto più complesso dei quadri, andranno alla ricerca degli stessi animali e di altri che di volta in volta saranno loro proposti.

LABORATORIO N.2 – IL PAESAGGIO CHE CAMBIA

Faremo una “passeggiata” attraverso i diversi paesaggi di Carrà, Morando, Benzi e Onetti, e noteremo come colori e luci cambino a seconda del luogo, della stagione e del momento della giornata.

Durante il laboratorio i bambini coloreranno con i pastelli un paesaggio a scelta tra quelli visti cercando di attenersi al modello.

 

CLASSI 3° e 4° SCUOLA PRIMARIA

Affronteremo le tecniche artistiche più innovative presenti in mostra e osserveremo con quali modalità un artista riesce a veicolare messaggi e sentimenti allo spettatore.

LABORATORIO N.1 – CONOSCIAMO IL DIVISIONISMO

Un excursus tra i paesaggi divisionisti di Pellizza, Barabino e del primo Morando mostrerà ai bambini i principi base di questa tecnica pittorica rivoluzionaria.

Durante il laboratorio coloreremo con le tempere un dipinto a scelta tra quelli proposti cercando di riprodurre lo stile divisionista.

LABORATORIO N.2 – IL DIARIO DEL VIANDANTE

“ I viandanti” di Morando, personaggi molto cari al pittore, saranno il punto di partenza per liberare la fantasia e immaginare la loro storia, il loro percorso: da dove vengono, dove vanno, perché sono in cammino, …

Nel laboratorio la figura umana in primo piano sarà la protagonista; si chiederà all’alunno di aggiungere dettagli e disegni liberi attorno ad un personaggio neutro di base con l’obiettivo di creare il loro personale racconto a tappe.

 

CLASSE 5° SCUOLA PRIMARIA e CLASSE 1° SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

T-SHIRT ARTISTICA

La visita all’esposizione si concentrerà sulla comprensione della tecnica pittorica divisionista e sulla conoscenza degli artisti protagonisti del divisionismo, per poi analizzare l’evoluzione artistica di Carlo Carrà.

Il laboratorio prevede la pittura su di una maglietta bianca (che rimarrà poi allo studente) i cui temi sono la natura e il paesaggio resi attraverso la scelta libera della tecnica tra quelle analizzate in mostra.

CONCRETA-MENTE

Dopo una panoramica delle sculture in mostra, ci si soffermerà sulla figura e sulle tecniche di Leonardo Bistolfi, considerato uno dei maggiori scultori del suo tempo. Verranno evidenziate le differenze e le analogie con gli altri artisti presenti.

Durante il laboratorio, gli studenti dovranno, attraverso l’uso della creta, esprimere con la materia concetti astratti o allegorici.

 

CLASSE 2° e 3° SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

Attraverso la visita, le opere della collezione e gli artisti esamineremo il parallelismo tra l’arte, le vicende storiche, la letteratura e la scienza.

ATTRATTI DALLA LUCE

Approfondiremo gli artisti e le opere che maggiormente vedono l’utilizzo della luce come strumento di comunicazione e coinvolgimento dell’osservatore. Ci confronteremo con i temi e i messaggi di importanti dipinti come “La stalla” di Angelo Morbelli  e “Vecchia nella stalla” di Giuseppe Pellizza da Volpedo.

Durante il laboratorio si chiederà all’alunno di interpretare e rendere la luce attraverso la tecnica pittorica, traendo spunto dai dipinti analizzati ma liberando la propria emotività.

LA GUERRA NELL’ARTE

Partiremo dalle rappresentazioni della Battaglia di Marengo, per arrivare alla seconda guerra mondiale e al dipinto di Morando “La fine della guerra”. Analizzeremo insieme le diverse interpretazioni di questo complesso tema, nei diversi periodi storici, nelle opere presenti in mostra ma anche attraverso l’analisi di opere di altri importanti artisti nazionali e internazionali.

 

SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO

Visita guidata alla collezione con l’obiettivo primario di portare alla comprensione degli artisti in mostra, della loro tecnica pittorica e dell’ambito storico-culturale in cui sono vissuti.

Le visite guidate sono adattabili alle esigenze delle classi e hanno una durata di un’ora e mezza o due ore a seconda della necessità degli insegnanti.

 

Print Friendly, PDF & Email