I finalisti della 51° edizione del premio Acqui Storia

0
989

Le Giurie del  Premio Acqui Storia hanno scelto i finalisti della 51° edizione del Premio, nato nel 1968 per onorare il ricordo della “Divisione Acqui” e i caduti di Cefalonia nel settembre 1943.

17 gli autori finalisti selezionati tra libri particolarmente validi, appartenenti alla produzione storiografica nazionale ed internazionale: cinque nella sezione storico scientifica, sei nella sezione storico divulgativa e  sei nella sezione romanzo storico.

La 51° edizione del Premio Acqui Storia ha registrato una grande partecipazione: 156 sono i volumi che hanno concorso al Premio, che anno dopo anno si conferma una meta ambita da Autori ed Editori, sempre attenti al consueto appuntamento annuale.  L’eccezionalmente alto numero di volumi partecipanti è la dimostrazione della serietà, dell’autorevolezza e della popolarità non solo italiana, ma europea acquisita dal Premio Acqui Storia.

La Giuria della Sezione scientifica ha scelto i seguenti finalisti:
Danilo BreschiMussolini e la città. Il fascismo tra antiurbanesimo e modernità, Luni Editrice
Silvia CavicchioliAnita. Storia e mito di Anita Garibaldi, Giulio Einaudi Editore
Gianni MarongiuUna storia fiscale dell’Italia repubblicana, G. Giappichelli Editore
Guido MelisLa macchina imperfetta. Immagine e realtà dello Stato fascista, Il Mulino
Cesare PanizzaNicola Chiaromonte. Una biografia, Donzelli Editore

La Giuria della Sezione divulgativa ha indicato come maggiormente significativi i seguenti volumi:
Ritanna Armeni,  Una donna può tutto. 1941: volano le Streghe della notte, Ponte alle Grazie
Marco CimminoLa battaglia dei ghiacciai. La Grande Guerra tra le nevi perenni, Mattioli 1885 srl
Roberto FloreaniUmberto Boccioni Arte-Vita, Mondadori Electa
Emilio Gentile25 luglio 1943, Editori Laterza
Dario MarinoL’Annessione. Violenza politica nell’Italia postunitaria, GOG
Marco ValleSuez.Il Canale, l’Egitto e l’Italia. Da Venezia a Cavourda Mussolini a Mattei, Historica Edizioni

La Giuria della Sezione Romanzo Storico, istituita nel 2009, ha designato come finalisti:
Maria AttanasioLa ragazza di Marsiglia, Sellerio Editore
Rino CammilleriIl mio nome è Giuda, La fontana di Siloe (Lindau)
Adélaïde De Clermont-TonnerreL’ultimo di noi, Sperling & Kupfer
Paolo MalagutiPrima dell’alba, Neri Pozza Editore
Giacomo Marinelli AndreoliNel segno dei padri. La storia di Guglielmina e Peter, Marsilio Editori
Nicola VerdeIl vangelo del boia, Newton Compton Editori

I finalisti delle tre sezioni sono stati elencati in ordine alfabetico e non in virtù delle preferenze ottenute.

L’Acqui Storia è organizzato dal Comune di Acqui Terme con il contributo di Regione Piemonte, Gruppo Alegas, Istituto Nazionale Tributaristi, CTE Spa, BRC Automazione Industriale, Collino, Gruppo Benzi, della Fondazione Cassa di Risparmio di Torino e della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria che si conferma partner fondamentale dell’iniziativa.
È importante segnalare il prestigio che il Presidente della Repubblica ha voluto conferire alla manifestazione assegnando al Premio Acqui Storia, a partire dalla 42° edizione, una speciale medaglia presidenziale in fusione di bronzo, che riproduce la sua firma autografa, realizzata dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato.
Il Premio Acqui Storia, il più importante non solo in Italia ma in tutta Europa per i libri di argomento storico, ha anche ricevuto il patrocinio del Presidente del Consiglio, del Presidente del Senato, del Presidente della Camera dei Deputati  e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.
A fine settembre verranno resi noti i vincitori delle tre sezioni dell’Acqui Storia, che prevede per ciascun autore un assegno di 6500 euro, unitamente al Premio Speciale alla Carriera, alla proclamazione dei “Testimoni del Tempo” e al riconoscimento “La Storia in TV”.
Negli ultimi anni hanno calcato il Teatro Ariston di Acqui per ritirare i premi registi come Carlo Verdone, Pupi Avati, Pier Francesco Pingitore, il Direttore di Rai Uno e Rai Sport Mauro Mazza, Valerio Massimo Manfredi, Roberto Giacobbo, Mario Cervi, Bruno Vespa, Vittorio Feltri, Giancarlo Mazzuca, Maria Gabriella di Savoia, l’Ambasciatore Maurizio Serra, Dario Fertilio, Ottavio Barié, Giampaolo Pansa, Franco Cardini, Mario Orfeo e tanti altri.

Print Friendly, PDF & Email