Mercoledì 29 novembre
Fabio Caressa presenta
la cerimonia di inaugurazione
dello Stadio Moccagatta

0
1396

L’evento di inaugurazione dello stadio Moccagatta si terrà mercoledì 29 novembre, alle ore 21, e saluterà l’apertura della nuova casa dell’Alessandria Calcio, celebrando lo stadio e ripercorrendone la storia dal 1929, anno della  fondazione, ad oggi.

Verranno ricordati i successi, le sfide, le avversità e le vittorie della squadra, della sua sede e della stessa città di Alessandria, sfondo imprescindibile e presenza costante.

A guidare il percorso, ospite d’eccezione: Fabio Caressa, giornalista, conduttore e commentatore televisivo di Sky.
Accanto a lui, sarà possibile ascoltare la voce di tanti altri ospiti, emblema della storia della squadra dei Grigi con il coinvolgimento anche del pubblico che giocherà il suo ruolo.

La cerimonia di inaugurazione sarà un vero spettacolo, in cui non  mancheranno momenti scenografici e di interesse artistico che si andranno ad alternare a momenti più istituzionali. Tra performance acrobatiche ed esibizioni live, lo “spettacolo del Mocca” si preannuncia come una serata densa di emozioni.

Per organizzare l’evento, realizzato in collaborazione con il Comune di Alessandria e Ascom Confcommercio Alessandria, l’Alessandria Calcio si è appoggiata all’agenzia ‘Van Clair Events’ di Federica D’Alù, con sede a Valenza, che ha accolto con grande entusiasmo questa opportunità, ritenendo un privilegio poter partecipare ad un evento di tale portata per omaggiare nel migliore dei modi la Città di Alessandria.

L’evento, per il quale saranno invitate le più importanti personalità sportive e politiche locali e nazionali, sarà a pagamento: i biglietti costeranno da 10 a 30 euro.

Torniamo a casa nostra – ha commentato Luca Di Masi, presidente dell’Alessandria Calcio –  dopo mesi di lavoro intenso con la duplice soddisfazione di aver operato un significativo intervento di riqualificazione che ha fatto del Moccagatta un impianto risanato, accogliente e funzionale, consapevoli e orgogliosi di aver restituito alla città un monumento che fa parte della sua storia“.

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email