“L’altra metà del cielo”: donne e cinema con Carla Vistarini

0
539

La donna è “l’altra metà del cielo“, ma può essere anche “l’altra metà del cinema”? A giudicare dal panel tutto al femminile dell’incontro tenutosi nel tardo pomeriggio alla Libreria Fissore e dall’evocazione di grandi figure della cinematografia mondiale come Anna Magnani, pare proprio di sì.

Infatti, il ruolo della donna nella settima arte é stato celebrato in tutte le sue possibili espressioni, davanti alla cinepresa o dietro le quinte di grandi produzioni cinematografiche.

La presenza di Barbara Rossi, rappresentante dell’Associazione “La Voce della Luna” e autrice del libro “Anna Magnani. Un’attrice dai mille volti tra Roma e Hollywood”, ha reso facile il ricordo della grande attrice italiana, vincitrice dell’Oscar e icona indimenticata del nostro cinema.
La discussione che ne è seguita é stata ulteriormente impreziosita dalle domande di Benedetta Palladivino e della giornalista Patrizia Ferrando e, soprattutto, dai racconti e dalle opinioni di Carla Vistarini, sceneggiatrice, scrittrice e vincitrice del “David di Donatello” per la sceneggiatura del film “Nemici d’infanzia” di Luigi Magni.

La Rossi ha ricordato che la strada della gloria cinematografica attraversata dalla Magnani non sarebbe esistita se non fosse stata tracciata dalle grandi attrici del passato, a partire da quelle del cinema muto; inoltre, ella stessa non se la poté godere del tutto prima di essersi fatta le ossa nell’avanspettacolo che la rese celebre insieme a Totò.

Non si é parlato solo di Magnani, anzi: la Vistarini ha fornito un quadro complessivo sul cinema italiano, in prossimità di un nuovo boom artistico non ancora in grado di diventare da modello per il cinema mondiale lo furono il neorealismo e il filone dei b-movie adorati da Quentin Tarantino. Perché? Mancanza di coraggio nelle produzioni finanziate dal pubblico, una scuola di recitazione ormai superata e la corruzione attirata dai soldi pubblici sono stati alcuni dei problemi identificati dalla premiata sceneggiatrice.

Stefano Summa

@Stefano_Summa

Print Friendly, PDF & Email