I ‘falsi d’autore’ al Museo della Gambarina

0
595

La cooperativa sociale Poolicoop, con i ragazzi del Centro Diurno socio terapeutico SoleLuna e della Fenice, in collaborazione con ASL, Cissaca e Amici del Museo Etnografico Gambarina, organizza presso il Museo Gambarina ad Alessandria una MOSTRA DEDICATA A CARLO CARRA’, allestita con i lavori artistici realizzati dai ragazzi. L’evento è patrocinato dal Comune di Alessandria.

La mostra, dal titolo FALSI D’AUTORE, verrà inaugurata MERCOLEDI’ 26 MARZO 2014 alle ore 11.30 e rimarrà allestita fino al 31 marzo presso il Museo. I ragazzi esporranno ben 76 opere da loro create quest’anno per omaggiare il famoso artista di Quargnento, dopo la bellissima esperienza dello scorso anno con i mosaici di Gino Severini.

Da alcuni anni infatti, i ragazzi del ‘’Soleluna’’ hanno iniziato a strutturare progetti di collaborazione con il Centro Diurno ‘’LA FENICE’’ del D.S.M. ASLAL con l’obbiettivo di far emergere le competenze che i pazienti del Centro Diurno ‘’LA FENICE’’ avevano acquisito nell’ambito del decoupage. Hanno così assunto il ruolo di ‘’istruttori’’ dei ragazzi del ‘’SOLELUNA’’ insegnando loro tecniche e metodi per realizzare oggetti e decori.

Questa collaborazione tra servizi è un bell’esempio di lavoro di rete che spesso rimane solo un obiettivo di difficile realizzazione, per molteplici aspetti organizzativi (e non solo). I risultati raggiunti, nell’ambito della socializzazione, della condivisione di un progetto comune, dei risvolti umani, valorizzano questa preziosa esperienza: è l’occasione per far emergere l’entusiasmo e la gioia di ‘’vivere’’ che nonostante le molte difficoltà, caratterizzano questi ragazzi.

Il progetto della mostra non si esaurisce in questi giorni: grazie alla collaborazione con il Comune di Alessandria e alcuni commercianti della Città, sarà possibile ammirare queste opere nelle vetrine dei negozi del centro e in altri esercizi commerciali che si renderanno disponibili, nei giorni in cui si svolgerà Floreale 2014. Al termine della manifestazione le opere saranno oggetto di un’asta benefica che servirà a finanziare i progetti artistici dei due centri per il prossimo anno.

Print Friendly, PDF & Email