A Valenza va in scena la Palestina immaginaria di Tarantino

0
486

La casa di Ramallah; l’opera di Antonio Tarantino; in scena questa sera al teatro sociale di Valenza; narra un viaggio metafisico attraverso la Palestina martoriata: un padre e una madre trascorrono le ultime loro ore con la figlia Myriam; percorrendo la strada che li conduce dove si compirà il suo destino di kamikaze.Il treno su cui i tre viaggiano; annulla la distanza di pensiero fra la nostra realtà e quella del mondo arabo. Il dialogo irragionevole eppure toccante fra i tre; fitto; dolente; pieno di autosuggestioni e fanatismi; ma anche di verità del cuore; incatena l’attenzione del pubblico; forse sconvolto da genitori che accondiscendono a una simile scelta; forse ferito da immagini cui quotidianamente assistiamo in tv ma che forse; attraverso il linguaggio teatrale; ci colpiscono con maggior violenza.In ciò sono complici la scrittura straripante; ossessiva dell’autore e la sferzante; partecipe regia di Antonio Calenda; che con questa messinscena prosegue deciso nel percorso dedicato ai grandi drammaturghi contemporanei italiani. La casa di Ramallah; scritto da Antonio Tarantino ed interpretato da Giorgio Albertazzi e Marina Confalone. La regia è di Antonio Calenda. Inizio ore 20;45. Info biglietti: www.teatroregionalealessandrino.it.

Print Friendly, PDF & Email