Al via il cineforum “Nulla è come appare”, con “La migliore offerta”

0
758

Con l’autunno arriva il Cineforum di Zonta Club Alessandria, appuntamento mensile che accompagna alla serata di premiazione del Concorso Nazionale per cortometraggi a regia femminile, Zonta Short Festival.

Mercoledì 25 ottobre alle ore 21, presso l’Associazione Cultura e Sviluppo, in Piazza De Andrè 75, prende avvio il nuovo calendario di appuntamenti con il grande cinema aperto a tutti. Il tema scelto dal Comitato Cinema di Zonta è intrigante: “Nulla è come appare”. Mezze verità, inganni, realtà diversa da come i fatti inducono a pensare sono….contrapposizioni. Tutto questo è presente nei film che il cineforum presenta dal 25 ottobre 2017 al 18 aprile 2018, un mercoledì al mese.

La migliore offerta (2013) del regista Giuseppe Tornatore ha per protagonista il bravissimo attore Geoffrey Rush, battitore d’aste ossessionato dalla figura femminile. E’ un thriller enigmatico, dal finale che svelerà il mistero che ha irretito il protagonista in un amore impossibile con una giovane e bella ragazza co-protagonista della storia. La presentazione e il commento al film sono a cura di Barbara Rossi.

Il prossimo appuntamento, il 22 novembre, è con Un giorno perfetto di Ferzan Ozpetek, film scelto da Zonta per sensibilizzare sulla violenza contro le donne nei giorni antecedenti il 25 novembre. A gennaio si proporrà una mini-maratona con la proiezione di due film collegati tra loro: il 24 gennaio La donna che visse due volte di Hitchock e a seguire Obsession di De Palma, eccezionalmente con inizio della serata alle ore 20.

Il 21 febbraio è la volta di Sliding Doors di Peter Howitt, mentre il 21 marzo Zonta sceglie di presentare La fille de Brest , di Emmanuelle Bercot, anche conosciuto con il titolo 150 milligrammi. Il mese di marzo è il mese della donna, mese in cui più di altri Zonta è impegnato nel promuovere il lavoro delle donne e azioni di advocacy a favore delle stesse e della popolazione tutta per i benefici a ricaduta. Ecco allora la scelta di proporre un film su una storia vera, quella di Irène Frachon, giovane pneumologa che intuì come dietro ad alcune morti ci fosse l’uso di un farmaco, prescritto anche in Italia con il nome di Mediaxal nella terapia del diabete. La rassegna si conclude il 18 aprile con il film Il buio nella mente di Claude Chabrol.

Mercoledì sarà presentato in apertura di serata il regolamento del concorso “Corto di Donna”, che Zonta bandisce ogni due anni per il sostegno alle registe e sceneggiatrici italiane. Le migliori saranno premiate il 23 maggio durante la cerimonia della quarta edizione dello Zonta Short Festival. Il tema quest’anno è libero.

Tutte le informazioni sulla rassegna si possono trovare sulle pagine facebook di Zonta Club Alessandria e Zonta Short Festival.

Print Friendly, PDF & Email