Sequestrate 400 confezioni di unghie finte

0
1070

ggi può essere rischioso anche giocare a fare la «femme fatale»; applicandosi unghie e ciglia finte. I carabinieri del
Nas di Alessandria; dopo varie ispezioni sui cosmetici in commercio anche in provincia; sono intervenuti l’altro giorno per sequestrare oltre 400 confezioni di unghie posticce con relativo mastice; in un negozio di Arquata. Le confezioni sono risultate irregolari; prive dell’indicazione del produttore (presumibilmente cinese) e del corretto utilizzo. La situazione del titolare del negozio arquatese; appunto un cittadino cinese; potrebbe aggravarsi qualora le analisi disposte dai carabinieri su questi prodotti; dovessero rivelare la presenza di allergeni o sostanze nocive. L’applicazione delle unghie artificiali è una tecnica estetica; mirata alla ricostruzione e all’abbellimento delle unghie naturali che per motivi fisiologici possono essersi rovinate o sfaldate. Ma l’uso di sostanze chimiche di oscura provenienza e fabbricazione; possono provocare gravi forme allergiche e intossicazioni. Le unghie finte proposte dai negozi di cosmesi; consistono in anatomiche sagome di plastica; corredate da mastici in teoria anallergici. Ma sempre dotate di etichettatura a norma di legge.

Print Friendly, PDF & Email