Rocambolesca fuga con lancio di chiodi e arresto finale

0
1494

Intorno alle ore 02 di ieri una pattuglia del Distaccamento Polstrada di Valenza ha notato una BMW con targhe bulgare transitare nel tratto della “Colla” della S.P. 494, tra Valenza e Valmadonna. Insospettiti da tale circostanza i due agenti hanno deciso di invertire la marcia e fermare il veicolo per un controllo, ma dopo aver azionato i lampeggianti gli occupanti della BMW hanno iniziato a lanciare numerosi chiodi a 4 punte sulla strada per rallentare gli inseguitori, che però sono riusciti comunque a tallonare l’auto. La fuga è continuata fino Valenza, dove la BMW ha percorso le vie del centro cittadino a folle velocità, fino a che, in zona Esselunga ha perso il controllo schiantandosi contro altre autovetture in sosta. Il conducente veniva immediatamente bloccato dai due agenti inseguitori, mentre i due passeggeri riuscivano a fuggire a piedi dal luogo dell’incidente, ma venivano poco dopo individuati e bloccati da altri equipaggi della Stradale e delle Volanti accorsi di rinforzo. Una volta aperto il bagagliaio della potente berlina risultava ben chiaro sia il motivo della presenza che della fuga dei cerignolani: detenevano attrezzi ed arnesi in quantità verosimilmente utilizzati per l’asportazione di sportelli bancomat.

Venivano arrestati FERRARA Leonardo, nato a Foggia il 23.02.1980, CAPONE Vincenzo, nato a Cerignola (FG) il 14/09/1982 e DE SIMONE Gabriele, nato a Cerignola (FG) il 29.12.1985, già noti alle Forze dell’Ordine contestando i reati di predetti gli estremi dei reati di violenza e resistenza a pubblico ufficiale in continuazione con i reati di porto di oggetti atti ad offendere, danneggiamento, lesioni dolose e detenzione materiale esplosivo.

 

 

Print Friendly, PDF & Email