Mondiali: Nessun atleta italiano ha superato le batterie

0
405

Tutti fuori; in attesa che Fabio Scozzoli; che alle 19.27 locali; le 13.27 italiane; nuoti la finale dei 100 rana dopo il terzo tempo conquistato ieri in semifinale; insieme al record italiano di 59″83; il primo dallo stop ai costumi gommati. La seconda giornata dei Mondiali in corsia; per ora offre solo rimpianti agli azzurri; che non superano lo scoglio delle batterie. Tra gli uomini; il rimpianto più grande ce l’ha Gianluca Maglia nei 200 sl: per 12 centesimi è fuori dai 16 con un 1’48″54. Maglia: “Speravo di andare in semifinale; agli Europei di Eidnhoven sono arrivato 9° e qui sono fuori per 12 centesimi; ho fatto lo stagionale; il lavoro di queste settimane sta pagando: allenarsi con i velocisti è il progetto giusto e spero che continui; ci fa crescere. Sono fiducioso per la staffetta”. Con il catanese; eliminato il bergamasco Marco Belotti; autore del 20° tempi in 1’48″66. “Sapevo che quest’anno non ero competitivo; ma 1’48″6 mi fa capire che stiamo lavorando bene in chiave 4×200”. L’americano Ryan Lochte mette le mani avanti: 1’46″34.Nei 100 dorso; il più rapido è stato il francese Camille Lacourt; l’Alain Delon delle piscine: 53″30 nella gara che vedeva in acqua anche Mirco Di Tora; 18° in 54″47: “Pensavo di far meglio; ho sbagliato completamente strategia di gara; di solito parto veloce e patisco negli ultimi 10 metri; stavolta sono passato più lento a 26″32; ma mezzo secondo è troppo; cercherò di rifarmi nei 50 e in staffetta mista”.La dorsista Elena Gemo è 20ª nei 100 in 1’01″62 (l’americana Coughlin ha dominato in 59″73); la ranista Chiara Boggiatto è 23ª nei 100: “Non ho mai nuotato 1’09″50 al mattino; ma non mi sentivo fluida e mi allungavo troppo con le frequenze; pagandoun passaggio non veloce; avre dovuto virare in 1’08″ per qualificarmi”. E un crono migliore lo reclamava a se stessa Martina Caramignoli; nelle batterie dei 1500: per lei il 13° crono in 16’23″75 con la danese Lotte Friis candidata a subentrare nell’albo doro ad Alessia Filippi.

Print Friendly, PDF & Email