Le donne maltrattate di Kabul

0
566

Le donne maltrattate di KabulDonne costrette in gabbia dalla tradizione; da un contesto culturale segnato dal fondamentalismo religioso; da povertà e guerra. Donne che si sono “abituate” alla violenza come ad una costante della loro vita; in Afghanistan come in altri paesi segnati da decenni di conflitti armati; che utilizzano la violenza di genere per creare un’atmosfera di paura e terrorizzare le comunità. Sono queste le donne protagoniste di “Come un uccello in gabbia”; toccante libro che riporta storie narrate in prima persona da alcune ospiti della Casa per donne maltrattate di Kabul; insieme ad alcune delle più belle poesie di Nadia Anjuman; poetessa afghana morta all’età di 25 anni vittima di violenza domestica.Il volume; nato dalla collaborazione tra Provincia di Alessandria; HAWCA (Humanitarian Assistance for the Women and Children of Afghanistan) e CISDA (Coordinamento Italiano Sostegno Donne Afghane onlus); verrà presentato giovedì 23 giugno; alle 18.00; nella Sala Conferenze di Palazzo Guasco (Ala del Principe; via dei Guasco 47; Alessandria). Introdurrà i lavori Maria Rita Rossa; Vicepresidente e Assessore alla Cultura della Provincia di Alessandria; con gli interventi di Laura Quagliuolo; vicepresidente CISDA; e Selay Ghaffar; direttrice esecutiva di HAWCA. Modera l’incontro Ivana Stefani (Radio Gold Alessandria).“In queste pagine – interviene la Vicepresidente Rita Rossa – ritroviamo quella forza e quella voglia vivere che le donne afghane hanno recuperato proprio grazie al lavoro di organizzazioni come HAWCA. Sono orgogliosa e commossa di poter presentare questo volume nella sua traduzione italiana; tanto più avendo potuto sperimentare in prima persona; durante un viaggio a Kabul; la situazione di quello sfortunato paese. Queste pagine sono la testimonianza concreta di come le donne; a cui viene imputato come crimine il fatto stesso di essere donne; riescano; anche nelle situazioni più drammatiche; a proporre resistenza e democrazia dal basso”.Fondata nel gennaio 1999 da un gruppo di giovani afghani; HAWCA è un’organizzazione formata da donne che gestisce; da febbraio del 2004; una casa per donne maltrattate a Kabul; attività delicata a cui si sono aggiunti; negli anni successivi; due centri di assistenza legale (a Kabul e Herat) a favore delle donne più vulnerabili. Il mandato di HAWCA prevede di assicurare assistenza e protezione alle vittime di violenza; promuovere attività di sostentamento e microcredito a favore delle donne; promuovere i diritti delle donne; lavorare per garantire assistenza sanitaria e ai bambini; rispondere a situazioni di emergenza; promuovere programmi di adozione a distanza.

Print Friendly, PDF & Email