Ecco le nuove imitazioni cinesi: gli Apple stoer

0
191

Le magliette sono quelle; blu con logo. O almeno; lo sembrano. I sorrisi pare siano gli stessi; come da contratto. I cartelloni; i prodotti; anche lo stile: legno; metallo e vetro. Tutto ordinato e un po’ zen. Insomma; sembra proprio di essere in un Apple Store. E invece siamo in Cina; dove è stato toccato il vertice assoluto del “taroccaggio”: un intero negozio; anzi; un’intera catena di negozi replicati con attenzione e dovizia di particolari. Salvo qualche piccolo dettaglio; che può sempre sfuggire. Come la scritta in uno dei punti vendita; chiamato frettolosamente “Apple Stoer”. Un refuso che non ho fatto io; sia chiaro. Siamo a Kunming; nella provincia di Yunnan. Ma potremmo trovarci probabilmente in una qualsiasi altra grande città della Cina che non sia una delle metropoli in cui sorgono i quattri store (due a Pechino e due a Shanghai) veri; impiantati da Cupertino nel grande Paese asiatico. Solo che a Kunming vive una giovane blogger americana che -comeracconta nel suo post da cui abbiamo ricavato anche questa galleria fotografica – pochi giorni fa è incappata in quello che sembrava un Apple Store. Niente di cui stupirsi; scrive la blogger; in una Cina che pian piano si sta aprendo ai grandi marchi occidentali. Più stupefacente la sparizione del negozio nel giro di pochi giorni (niente di grave; comunque; pare che dopo pochi passi ce ne siano altri due!). Questo accadimento; legato alla considerazione che di fatto Kunming “è localizzata verso la fine della Terra”; ha portato alla scoperta definitiva della contraffazione totale. Tanto ben fatta anche perché i dipendenti stessi dello store falso erano convinti davvero di lavorare per Apple. Tra i commentatori della storia della blogger; una vera chicca che infatti ha attirato anche altri colleghi a cercare più particolari direttamente dalla fonte; tra i commentatori dicevamo c’è anche un falso Steve Jobs. Che nella storia di falsi ci sta tutto; è un po’ la ciliegina finale. Dicendosi preoccupato per la storia; il supposto guru di Apple individua subito la soluzione; molto “american style”: “Sto inviando la sesta armata dei Navy Seals in modo che risolvano la questione prima che spunti il sole qui nella costa ovest”.

Print Friendly, PDF & Email