Doping e (non) Sport

0
405

“Doping” un termine che da qualche anno alla ribalta delle cronache sportive. Troppo spesso non si parla pi di vittorie; successi; nuovi record; bens di inchieste per doping; squalifiche; raggiri. L’ultimo “scandalo doping”; in ordine di tempo; stato quello che ha coinvolto il giocatore rumeno della Fiorentina Adrian Mutu. Ma cos’ questo doping di cui si parla tanto? La nostra epoca caratterizzata dal consumismo ad oltranza;ed il valore dell’uomo viene valutato quasi unicamente in base al rendimento. Questo il fattore principale che spinge l’atleta a ricorrere all’uso di sostanze che possono migliorare la sua prestazione; senza preoccuparsi degli effetti negativi che queste sostanze possono avere sia a breve; sia a lungo termine sull’organismo. Con il termine doping si intende “la somministrazione ad un soggetto sano o l’assunzione da parte dello stesso o l’utilizzazione in qualsivoglia modo di una sostanza estranea all’organismo; di sostanze fisiologiche in quantit o per vie anomale; e questo al solo scopo di aumentare in modo illecito la performance del soggetto in occasione di una gara”. Il fare ricorso a sostanze atte a migliorare la resistenza alla fatica noto sin dai tempi antichi. Gli atleti greci e romani utilizzavano qualit differenti di carni; associate a sostanze stimolanti. L’origine della parola doping non inglese; come potrebbe sembrare; ma derivata dal dialetto di una trib dell’Africa sud orientale; che con il termine dop indicano un forte liquore da loro usato come stimolante durante le cerimonie religiose. I primi controlli scientifici del doping sono nel 1910; grazie al chimico Bukowsky; che a Vienna mise a punto un sistema per rilevare la presenza di sostanze illecite nella saliva dei cavalli. In Italia il problema doping stato affrontato; in un primo tempo; tramite accordi tra la Federazione Medico Sportiva Italiana e le varie Federazioni e successivamente con la legge del 1971 relativa “ alla tutela sanitaria delle attivit sportive”. Le sostanze doping pi usate sono: stimolanti; eccitanti; calmanti; ormoni; motrasfusioni; ossigenoterapia. Troppe volte il termine Doping viene associata alla parola Sport; ma deve essere ben chiaro a tutti che chi cade nell’errore di ricorrere a sostanze illecite per favorire le proprie prestazioni; non pu nel modo pi assoluto considerarsi uno sportivo; lo sport legato a termini come lealt; sacrificio e rispetto dell’avversario… e un atleta dopato non rispetta se stesso; figuriamoci gli avversari! A cura di Davide Balduzzi

Print Friendly, PDF & Email